Roberto Pagan. Più di sessanta anni di versi editi ed inediti

Redazione - 15 Dicembre 2019

All’Aleph a Roma Trastevere in vicolo del Bologna 72, venerdì 20 dicembre 2019, alle ore 17,30: Roberto Pagan. Più di sessanta anni di versi editi ed inediti.

Il poeta con l’aiuto di Giullia Perroni Luigi Celi converserà con il pubblico parlando di sé e della sua poesia e leggendo alcuni tra i suoi più significativi testi.

Sarà proiettato il DVD Le belle ore del Duca (elaborazione di Tullio Balzano).

 

Roberto Pagan è nato nel 1934 a Trieste. Scrittore, critico e poeta, la sua opera in versi comprende: Sillabe, Il Ventaglio, Roma, 1983; Genealogie con ritratti, Bastogi, Foggia, 1985; Il velen dell’argomento, Edizioni del Giano, Roma, 1992, Per linee interne, Interlibro, Roma, 1999; Miniature di bosco – 101 haiku, Zone Editrice, Roma, 2002; Vizio d’aria, ivi, 2003, Il sale sulla coda, ivi, 2005, Archivi dell’occhio, ivi, 2008 (vincitore premio “Minturno” 2009; finalista al premio “Feronia” 2009), Alighe, Ed. Cofine, Roma, 2011 (vincitore del premio “Città di Ischitella-Pietro Giannone” 2011); Le belle ore del Duca, ivi, 2012 (premio speciale della Giuria del “Premio nazionale di poesia Mario Arpea”, Rocca di Mezzo, AQ, 2016); Robe de no creder (Cose da non credere). Versi in dialetto triestino, ivi, 2014 (finalista al premio “Salva la tua lingua locale” 2015); Una finestra sul mondo. Antologia, Ed. Cofine, 2015). Nel 2015 la raccolta Un mare d’inchiostro. Pagine su ‘pagine’ e altri cabotaggi è la produzione critica degli ultimi quindici anni (Edizioni Cofine, Roma). Ultima raccolta Là dove il periplo si chiude. Poesie 1963-2016.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti