Roghi tossici, via Salviati: “Spostato l’esercito, nuovo allarme”

Lo dichiarano gli esponenti di Fratelli d’Italia Francesco Figliomeni e Daniele Rinaldi coordinatore del partito in V municipio
Redazione - 12 Aprile 2019

“Come avevamo previsto, il blocco dei roghi tossici è durato poco, è infatti bastato spostare l’esercito a guardia del ben noto campo rom di via Salviati, zona Tor Sapienza, che in un batter d’occhio i rifiuti abbandonati dai nomadi sono tornati a bruciare. Le promesse vane dell’Amministrazione grillina di una risoluzione definitiva, si dimostrano per l’ennesima volta una presa in giro per i residenti della zona, disperati da questa situazione che non trova conclusione. L’incapacità dei pentastellati a governare la città si vede anche in questi aspetti di pubblica sicurezza, dove la salute delle persone viene messa ogni giorno a repentaglio per una incompetenza conclamata a gestire una situazione pericolosa.

“Si parla da tempo anche di telecamere ma visto come vanno le cose da noi, è probabile che appena installate nei sei campi quali La Barbuta, Castel Romano, Salviati, Candoni, Salone e Lombroso, possano fare la stessa misera fine di quelle installate negli anni precedenti, prese a sassate dai nomadi e rese inservibili. L’unica soluzione percorribile per dare un taglio per la risoluzione definitiva di questo problema, è lo smantellamento definitivo di questi luoghi di malaffare, dove i nomadi sono liberi di portare avanti i propri traffici illeciti a dispetto delle Forze dell’Ordine che, sebbene sempre in prima fila per reprimere ogni forma di abuso, non sono in grado di far fronte a queste situazioni al limite”.

Lo dichiarano gli esponenti di Fratelli d’Italia Francesco Figliomeni, vice presidente dell’Assemblea Capitolina, e Daniele Rinaldi coordinatore del partito in V Municipio.

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti