Roma, Agostini: “Cinque anni sprecati su trasporti e rifiuti”

Comunicato stampa - 25 Giugno 2021

“Nessun confronto, nessuna sinergia, nessun tavolo di lavoro o concertazione con le parti sociali per risolvere i grandi temi che lasciano Roma in una situazione di stallo e incertezza. Con l’estate tutti i nodi che riguardano l’immondizia e la raccolta differenziata vengono puntualmente al pettine. I gabbiani banchettano nei cassonetti stracolmi dell’indifferenziata e l’incapacità gestionale, unita a qualsiasi mancanza di progettualità, lascia ferma al palo la Capitale. Da cinque anni non si è capaci di gestire lo smaltimento dei rifiuti romani, non viene indicato un sito idoneo per il loro trattamento e non è neanche iniziato quel processo virtuoso di riduzione del secco e di valorizzazione del multimateriale. Il rifiuto non è una risorsa, solo un peso insopportabile che tanti amministratori e assessori capitolini non sono stati in grado di portare. Sono cadute teste e aumentati disservizi che oggi ricadono sui lavoratori per la mancanza di mezzi, personale, operatori ecologici e cimiteriali. Non va meglio sul tema trasporti con stazioni chiuse per mesi anche solo per colpa di un ascensore rotto o una scala mobile ferma. I lavori in appalto e subappalto sono infiniti e il groviglio dei sottoservizi impedisce il proseguimento di qualsiasi cantiere dedicato alle nuove fermate dell’eterna incompiuta: la Metro C. Gli autobus sono talmente malridotti e pericolosi che vengono avvolti dalle fiamme in strada e il bilancio Atac, come quello di molte partecipate, è stato oggetto di molti rilievi da parte della Corte dei Conti. Anche qui a fare le spese di questa situazione sono i lavoratori e i cittadini che vedono un servizio inadeguato e senza prospettive. Servono soluzioni, una regia accorta e attenta che sappia valorizzare professionalità. Un cambio di passo per una città che deve cambiare registro e tornare al livello delle grandi capitali europee”.

Lo dichiara, in una nota, il segretario regionale del Lazio di Articolo Uno-LeU Riccardo Agostini.

Pubblicità elettorale Regionali 2023

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti