Sport  

Roma-Atalanta, sfatato il tabù ‘Olimpico’

Bojan, Osvaldo e Simplicio siglano i tre gol dei giallorossi. Le Pagelle di Gian Luigi Polcaro
di Marco Maestà - 1 Ottobre 2011

La Roma centra la prima vittoria stagionale all’Olimpico superando 3-1 l’Atalanta in una partita tirata e combattuta fino al termine. I giallorossi fanno la voce grossa nel primo tempo e si portano in vantaggio per 2-0, ma nella ripresa una buonissima Atalanta accorcia subito le distanze e fa soffrire la Roma fino al 36’st, quando Simplicio realizza il gol della sicurezza.

La partita è subito vivace ed i bergamaschi grazie al pressing esasperato dei loro centrocampisti, mettono subito in difficoltà i padroni di casa. Schelotto sulla fascia e Cigarini in mezzo al campo sono i giocatori di maggior qualità degli ospiti ed abbinano le loro grandi doti tecniche ad un’impressionante condizione fisica. I giallorossi si appoggiano su De Rossi che domina a centrocampo e Totti che illumina in avanti. Bojan e Osvaldo sembrano più in palla del solito e proprio loro due firmano tra il 20’pt ed il 30’pt la doppietta che tramortisce l’Atalanta.

Nella ripresa però i nerazurri entrano subito determinati e complice un calo di concentrazione dei loro avversari, al 3’st accorciano le distanze con Denis, che con un gran colpo di testa infila la porta difesa da Lobont. E’ il miglior momento per gli ospiti, che dimostrano di meritare tutti gli elogi ricevuti. Al 25’st Totti chiede il cambio per un indurimento della coscia destra e viene sostituito da Pizarro. La Roma però non si smarrisce ed aumentando il possesso palla, riesce ad attenuare la pressione dei bergamaschi, che comunque sono sempre pericolosi sulle palle inattive e nelle ripartenze. Alla distanza però escono i giallorossi, che anche in virtù del loro maggior tasso tecnico, sembrano più idonei a vincere la partita.

Il sigillo è di Simplicio che al 36’st chiede un dai e vai con Pjanic e si incunea in area. Il bosniaco lo trova con un assist perfetto e per il brasiliano è facile scavalcare con un pallonetto il portiere. L’Olimpico è in delirio e finalmente può festeggiare i suoi eroi per una vittoria la quale mancava in casa dallo scorso 22 maggio. Ora i giallorossi, complice anche l’anticipo temporale sulle altre squadre, sono in cima alla classifica con 8 punti e possono guardare al futuro con grande ottimismo. 

Il tabellino

 ROMA (4-3-3): 1 Lobont; 87 Rosi, 29 Burdisso, 5 Heinze, 3 Jose’ Angel; 15 Pjanic, 16 De Rossi, 30 Simplicio; 14 Bojan (16′ st Borini), 10 Totti (24′ st Pizarro), 9 Osvaldo (40′ st Borriello). A disp.: 18 Curci, 44 Kjaer, 2 Cicinho, 77 Cassetti, 7 Pizarro, 31 Borini, 22 Borriello. All.: Luis Enrique
ATALANTA (4-4-1-1): 47 Consigli; 25 Masiello, 4 Capelli, 5 Manfredini, 13 Peluso; 7 Schelotto, 21 Cigarini (45′ st Caserta), 33 Brighi (12′ st Bonaventura), 22 Padoin; 11 Moralez (31′ st Gabbiadini); 19 Denis. A disp.: 78 Frezzolini, 6 Bellini, 77 Raimondi, 26 Caserta, 10 Bonaventura, 28 Gabbiadini, 88 Minotti, 90 Tiribocchi. All.: Colantuono.
Squalificati: nessuno
Diffidati: nessuno
Indisponibili: Stekelenburg, Lamela, Greco, Juan, Perrotta, Gago, Ferreira Pinto, Pettinari, Carmona
Arbitro: Celi
Assistenti: Barbirati-Tonolini
Quarto uomo: Nasca
Marcatori: 20′ pt Bojan, 31′ pt Osvaldo, 3′ st Denis, 36′ st Simplicio
Ammoniti: 7′ st Cigarini, 30′ st Capelli

ROMA-ATALANTA, LE PAGELLE di Gianluigi Polcaro

ROMA
Lobont 6: Non è molto impegnato, ma è reattivo al momento giusto. Poteva, magari fare di più sul gol, ma va bene così
Rosi 7: Incarna perfettamente il gioco di Luis sulle fasce: tanta corsa e tecnica. Si fa tutto il campo e all’occorrenza si sa proporre grazie alla sua tecnica, creando superiorità numerica in attacco. Cresce di partita in partita
Burdisso 6: Qualche difficoltà nel primo tempo, un po’ meno reattivo del solito
Heinze 6,5: Provvidenziale in alcune occasioni, si fa anticipare da un possente Denis sul gol dei nerazzurri
Josè Angel 5,5: Non sempre brillante in avanti come nelle prime uscite e inoltre ancora da rivedere in fase difensiva. Sono spesso De Rossi e compagni a tappare i suoi buchi difensivi
Simplicio 7,5: Il ritorno di Arnold. Come ai tempi di Ranieri sa mettersi a disposizione della squadra grazie anche alla sua diligenza tattica. Sa duettare con i compagni, proporsi, dribblare e segnare, cosa che ha sempre fatto in carriera. Un elemento in più su cui contare
De Rossi 8: E’ ritornato la colonna portante della squadra. E’ universale, lo trovi a difendere e chiudere i varchi, a far ripartire l’azione e ispirare i gol degli attaccanti. Tecnica, cuore e cervello, questo è attualmente il più grande centrocampista in circolazione
Pjanic 7: Senza cali per tutta la partita e alla fine si inventa il pregevole assist per Simplicio. La Roma può contare su di lui
Bojan 7: Arriva il primo gol per il giovane catalano e che gol! Tutto di tecnica pura. Poi una partita di movimento e colpi importanti. Forse Luis lo toglie troppo presto
Totti 7,5: Ormai si è capito che sarà il trequartista della squadra, come tanto tempo fa. E come tanto tempo fa sa interpretare il ruolo come solo lui sa. Aperture di prima, con il famoso terzo occhio dietro la nuca, possesso palla che nessuno ha al mondo e numeri d’alta classe. Prova diverse sgaloppate per trovare il suo primo gol in stagione, ma dovrà rimandare ancora. Esce per infortunio ma i tifosi possono stare tranquilli perché è un lieve risentimento muscolare
Osvaldo 7: E segna sempre lui. Non sempre nel vivo della manovra, ma ha numeri da vero cecchino. Pregevole gol per il raddoppio
17′ s.t. Borini 6: Molto sacrificio sulla fascia a proteggere un Josè Angel in difficoltà
24′ s.t. Pizarro 7: Sostituisce Totti e diventa subito preziosissimo. Gioca da intermedio con Pjanic più avanzato e il suo possesso palla diventa un’arma micidiale che neutralizza ogni tipo di rivalsa dei bergamaschi
41′ s.t. Borriello 6: Pochi minuti per lui, che ha una voglia di spaccare tutto. Premiato per la tanta dedizione, arriverà il suo momento
All.: Luis Enrique 6,5: Stavolta il suo gioco si vede. Bravo a saper gestire il ritorno dell’Atalanta nella ripresa. Un po’ meno sulla gestione dei cambi. Bojan sostituito troppo presto e Borriello entrato troppo tardi

Adotta Abitare A

ATALANTA Consigli 6,5; Masiello 6, Capelli 5,5, Manfredini 5,5, Bellini 5,5; Schelotto 6,5, Cigarini 6 (45′ s.t. Caserta s.v.), Brighi 5 (12′ s.t. Bonaventura 6), Padoin 6; Moralez 5 (30′ s.t. Gabbiadini 6); Denis 7. All.: Colantuono 6
ARBITRO: Celi 6,5: Buona direzione di gara, un po’ casalinga, ma giusta


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti