Roma capitale aderisce alla campagna contro la violenza sessuale in aree di conflitto

Mercoledì 20 febbraio presso Villa Wolkonsky, in via Ludovico di Savoia. dalle 10 alle 14.30 incontro sul tema
Enzo Luciani - 20 Febbraio 2013

Roma Capitale, attraverso la delegata del Sindaco alle Pari Opportunità Lavinia Mennuni, aderisce alla campagna di informazione e sensibilizzazione “Preventing Sexual Violence In Conflict Areas (PSVI)”, lanciata dal Ministro degli Esteri britannico William Hague nell’ambito della Presidenza britannica del G8 nel 2013 con lo scopo di porre l’attenzione dell’opinione pubblica internazionale sul drammatico crescendo di violenze sessuali nelle aree di conflitto una violenza che colpisce indiscriminatamente donne, bambini e uomini, lasciando sulle vittime atroci traumi fisici e psichici.

 L’Amministrazione capitolina è, infatti, partner del Gruppo di lavoro promosso dall’Ambasciata britannica in Italia del quale fanno parte anche l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR), l’associazione “Se Non Ora Quando” e “Avvocati Senza Frontiere”.   «Roma Capitale aderisce con convinzione all’importante campagna lanciata dalla Gran Bretagna, per riportare l’attenzione sul tema della violenza contro le donne e i minori, utilizzata come vero e proprio strumento di guerra nei Paesi martoriati dai conflitti» – dichiara Lavinia Mennuni, delegato del Sindaco alle Pari Opportunità – «Crimini odiosi e profondamente ingiusti che avvengono anche alle porte dell’Italia, che rimangono largamente impuniti e che purtroppo lasciano segni indelebili nelle vittime civili e innocenti.   È fondamentale rivolgere un impegno costante e lavorare, tutti, nessuno escluso, in condivisione, al fine di stigmatizzare duramente  questo fenomeno, garantendo certezza della pena e sostenendo coloro che vivono il dramma di quella che è una delle più gravi violazioni dei più fondamentali diritti umani».   L’iniziativa britannica avrà proprio a Roma un primo momento di dialogo e confronto, mercoledì 20 febbraio, tra il gruppo di lavoro ed esperti di diverse istituzioni che, a tutti i livelli e in vari ambiti, si occupano della tematica nell’ambito del dibattito “Fermiamo la violenza sessuale come arma di guerra!”, in programma presso Villa Wolkonsky, residenza dell’Ambasciatore britannico a Roma, Sir Christopher Prentice, (ore 10.00-14.30, piazza di Villa Wolkonsky – via Ludovico di Savoia). Quanto emergerà dall’incontro di mercoledì sarà oggetto di un documento che verrà inviato all’attenzione dei Ministri degli Esteri del G8 che si riuniranno a Londra nei prossimi 10 e 11 aprile.

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti