Roma-Carpi 5-1. Festival del gol e e di occasioni mancate all’Olimpico

Tre infortuni pesanti in casa romanista. Le pagelle di Gianluigi Polcaro
di Marco Maestà - 27 Settembre 2015

All’Olimpico va in scena il festival del gol e delle occasioni mancate, dei rigori sbagliati e dei giocatori infortunati. La Roma infatti, in soli 90′ minuti si concede il lusso di segnare cinque reti, subirne una e far fare bella figura a De Sanctis, che compie una doppia parata sul rigore di Matos.

roma-carpiL’unica nota stonata sono i tre infortuni pesanti in casa romanista, che rispondono ai nomi di Keita, Dzeko e Totti; c’è apprensione in particolare per il Maliano, che uscendo dal campo, è sembrato quello più grave.

La cronaca della gara vede i padroni di casa subito in forcing sull’avversario e subito dominanti. Al 23′ dopo diverse occasioni sbagliate dei vari Gervinho, Salah e Dzeko, è Manolas a sbloccare il risultato e prendersi la sua personale rivincita per l’autogol di Genova, festeggiarndo così il primo gol in serie A. Al 27′ capolavoro di Pjanic su punizione e raddoppio giallorosso. La partita sembra chiudersi, quando al 30′ Gervinho realizza il terzo gol per i suoi, ma dopo quattro minuti l’immancabile gol dell’ex Borriello, restituisce un pò di suspense al confronto.

Nella ripresa i padroni di casa continuano ad attaccare ed al 51′, anche Salah entra nel tabellino dei marcatori. Il match offre ancora emozioni, quando al 67′ anche Digne si aggiunge alla festa romanista con un gran colpo di testa. Il Carpi non ci sta e in un impeto di orgoglio, si procura un rigore che Matos però sciupa due volte, perchè sul primo tentativo parato da de Sanctis, si fa ipnotizzare anche sulla respinta, gettando il suo allenatore nello sconforto.

Il match si avvia senza più sussulti verso il fischio finale, con i giallorossi che smettono di spingere sull’acceleratore, forse pensando già al match di Coppa in casa del Bate Borisov.

ROMA: De Sanctis; Maicon, Manolas, De Rossi, Digne; Pjanic, Keita (20′ Vainqueur), Nainggolan; Gervinho, Dzeko (46′ Totti, 54′ Iturbe), Salah.

A disp.: Lobont, Pop, Castan, Gyomber, Torosidis, Emerson, Uçan, Di Livio, Ponce.
All. Garcia.
CARPI: Brkic; Zaccardo, Romagnoli (46′ Di Gaudio), Gagliolo; Letizia, Bianco, Cofie, Fedele (’54 Lazzari), Gabriel Silva; Matos, Borriello (71′ Lasagna).
A disp.: Belec, Liotti, Bubnjic, Wallace, Iñiguez, Gino, Pasciuti, Martinho.
All. Castori.
Arbitro: Irrati di Pistoia. Assistenti: Tegoni e Musolino. IV uomo: Di Liberatore. Assistenti di porta: Celi e Chiffi.
Reti: 23′ Manolas (R), 27′ Pjanic (R), 30′ Gervinho (R), 34′ Borriello (C), 51′ Salah (R), 67′ Digne (R)
Note: 33430 spettatori paganti; ammonito Cofie; De Sanctis para un rigore a Matos, Roma-Carpi: 5-1 riscatto con manita.

Le pagelle di Gianluigi Polcaro

La Sposa di Maria Pia

Roma:

De Sanctis 7,5: Si riscatta ampiamente della brutta prestazione contro la Samp. Nega la gioia del gol a Borriello su un tiro ravvicinato nel primo tempo. Poi è costretto a cedere di fronte al colpo di testa vincente dello stesso bomber napoletano. Nella ripresa non solo para il rigore a Matos, ma in seconda battuta respinge con una prodezza il secondo tentativo dello stesso attaccante del Carpi.

Maicon 6,5: Offre un continuo contributo sulla fascia spingendo continuamente, nonostante vada al piccolo trotto. Da un suo tiro ribattuto dal portiere nasce il terzo gol siglato da Gervais.

De Rossi 6,5: Parte bene, uscendo palla al piede dalla propria area. Fa fatica quando viene attaccato uno contro uno, ma non molla fino all’ultimo salvando nel finale alcune palle pericolose.

Manolas 7,5: Anche lui si riscatta alla grande dall’infortunio tecnico commesso contro la Sampdoria. Segna la rete che sblocca la partita e compie l’ennesima prestazione da muro difensivo.

Digne 6,5: Molto impegnato sulla fascia, anche se si sgancia con meno frequenza del previsto. Segna un bel gol di testa la prima rete con la maglia giallorossa.

Nainggolan 6: Ancora una gara opaca nonostante non demeriti per il solito impegno e per il dinamismo prezioso a centrocampo, ma sbaglia molti passaggi.

Keita 6: Venti minuti sulla mediana dove fa un discreto filtro, poi si infortuna (dal 20’ Vainqueur) 6,5: Esordisce bene con la maglia giallorossa. Buon dinamismo e affiatamento con i colleghi di centrocampo. È rapido nel palleggio ed è pronto a coprire i terzini.

Pjanic 7,5: Una punizione magistrale che mette subito al sicuro il risultato. Ma anche tanto volume di gioco. E’, senza dubbi stavolta, l’ispiratore delle manovre romaniste. Va a prendersi palla davanti alla difesa e illumina per i compagni.

Salah 7: Le sue fiammate sono sempre dietro l’angolo. È molto pericoloso in attacco e anche stavolta timbra il cartellino sfruttando la ribattuta del portiere su tiro di Totti. Una certezza.

Dzeko 6: Non è molto brillante, ma si sacrifica per i compagni giocando di sponda e spostandosi spesso sulle fasce. Si infortuna e non partecipa alla sagra del gol (dal 45’ Totti) 6,5: Dieci minuti, giusto il tempo di propiziare la rete di Salah con l’insidioso tiro ribattuto da Brkic. Infortunio muscolare delicato e fastidioso che gli rovina la festa del 39esimo compleanno. Allora doppi auguri al capitano. (dal 55’ Iturbe) 5,5: Carico di pressione, non riesce a sfondare le linee difensive degli avversari.

Gervinho 7: Risfodera una buona prestazione condita da un bel gol. Tanta corsa e tanti dribbling che mettono in crisi la difesa avversaria e nel finale, dopo una serpentina in cui dribbla gli avversari come birilli, solo il palo gli nega la gioia della doppietta. Da rivedere contro una difesa più esperta.

All. Garcia 7: Riesce a ottenere il massimo dai suoi, soprattutto da quelli più in discussione. Un fatto importante visto che ha perso in un sol colpo Dzeko, Totti e Keita.

Carpi: Brkic 4,5; Romagnoli 5 (dal 45’ Di Gaudio 6), Gagliolo 5, Zaccardo 5; Gabriel Silva 5,5, Cofie 5, Fedele 5 (dal 55’ Lazzari 6), Bianco 5, Letizia 6; Matos 4,5; Borriello 7 (dal 72’ Lasagna 6). All.Castori 5

Arbitro: Massimiliano Irrati 6: Ininfluente la sua direzione sull’andamento della gara. Valuta rigore l’entrata scomposta di Maicon in area. Si può dare.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti