Roma celebra Alberto Sordi a dieci anni dalla sua scomparsa

Dal 14 febbraio 2013 si parte con una maratona di eventi lunga un anno
di Alessandra De Salvo - 12 Febbraio 2013

A dieci anni dalla sua scomparsa, Alberto Sordi (15 giugno 1920 – Roma, 25 febbraio 2003), l’attore che più di tutti ha rappresentato il cinema italiano, tornerà a correre, ballare e cantare nella città a lui indissolubilmente legata. Dal 14 al 25 febbraio 2013 una serie di eventi organizzati per rendere omaggio alla sua memoria riporteranno l’Albertone nazionale ad essere protagonista attivo della vita della Capitale.

Una mostra, una via intitolata, proiezioni di film, un concerto benefico, una messa, gli sketch radiofonici che verranno trasmessi nelle stazioni della metro e nella Galleria Sordi dal 23 al 25 febbraio, le immagini dei suoi film proiettate sul Colosseo, sono alcune delle iniziative promosse da Roma Capitale – Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico insieme alla Fondazione Alberto Sordi e con il supporto organizzativo di Zètema Progetto Cultura.

Le celebrazioni prenderanno il via il 14 febbraio con la mostra multimediale al Vittoriano “Alberto Sordi e la sua Roma”, ricca di materiali inediti.

Dar Ciriola asporto

Il 16 febbraio, alle ore 11, viale del Museo Borghese, accanto alla Casa del Cinema, cambierà nome e verrà intitolato “viale Alberto Sordi: Attore (1920 – 2003)”. Il 19 febbraio, al Cinema Adriano di Roma, grazie alla disponibilità dei registi e all’Assessorato alla Cultura della Regione Lazio, sarà possibile assistere gratuitamente alla proiezione di “Alberto il Grande” (19.30 e 21.30), il documentario realizzato in omaggio alla figura del maestro da Carlo e Luca Verdone. Per assicurarsi l’ingresso in sala è necessario prenotarsi a partire da mercoledì 13 febbraio sul sito: www.culturalazio.it/albertoilgrande.

Il 23 febbraio, alle ore 21, presso la Sala Sinopoli dell’Auditorium del Parco della Musica, verranno eseguite le partiture originali e le colonne sonore dei suoi film più famosi per un concerto di beneficenza il cui ricavato andrà alla Fondazione Alberto Sordi, dedita alla cura ed assistenza delle persone anziane. Nello stesso giorno alla Pelanda (Macro Testaccio), alle ore 16, sarà possibile conoscere l’attività di doppiatore di Alberto Sordi attraverso la proiezione del film “I diavoli volanti” con Stanlio e Ollio.

Il 23 e il 24 febbraio saranno proiettati “Amore mio aiutami” al Teatro Tor Bella Monaca e al Teatro Biblioteca Quarticciolo e “Bravissimo” alla Casa del Cinema.

Alle 11.00 del 24 febbraio sarà celebrata la Santa Messa nella Chiesa degli Artisti di Piazza del Popolo che sarà trasmessa in diretta Rai. All’interno della Galleria Sordi, il 25 febbraio, alle 20.30, si potrà assistere alla proiezione di “Un americano a Roma”.

“È una grande festa per la nostra città e per tutti i romani” ha dichiarato il sindaco Alemanno, sottolineando che le celebrazioni non si arresteranno al 25 febbraio, data della morte di Alberto Sordi, ma dureranno tutto l’anno. Il 21 aprile in occasione della “Notte dei Musei” è in programma una maratona di suoi film. Il 15 giugno, anniversario della nascita di Alberto, si terrà un evento presso la Sala Petrassi dell’Auditorium Parco della Musica di Roma in occasione del quale verrà anche attribuito il “Premio nazionale Alberto Sordi” ad artisti del mondo dello spettacolo che si sono distinti sul piano dell’impegno sociale.

Quello che Roma si appresta ad offrire è un grande e dovuto omaggio ad uno dei più poliedrici e trasformisti attori italiani. Attore, doppiatore, regista, cantante, ballerino, speaker radiofonico, Alberto Sordi è stato anche editorialista del Messaggero caratterizzandosi per una prosa arguta e per una grande attenzione alle problematiche di Roma, quella Roma che tanto amava e alla quale perdonava tutto finendo per leggere anche nell’indolenza tipica dei suoi concittadini, non un difetto ma un segno di saggezza.

Per il programma nel dettaglio: www.comune.roma.it/wps/portal/pcr 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti