Roma. Lotta allo spaccio stupefacenti: 12 arrestati dalla Polizia

Sequestrati 1 kg e 400 grammi tra cocaina, marijuana, hashish e crack e denaro contante per 9.400 euro
Redazione - 28 Giugno 2020

Gli uomini della sezione Volanti durante lo svolgimento del normale servizio di controllo del territorio  hanno notato nel parcheggio esterno di un’attività commerciale, situata in via del Ponte Pisano, un uomo a bordo di un’autovettura che alla vista degli agenti ha cercato di allontanarsi.

O. F., cittadino Italiano di 56 anni, che si trovava in prossimità dell’agglomerato di abitazioni di edilizia popolare, denominato Corviale, un’area altamente vocata alla consumazione di reati in materia di stupefacenti, è stato immediatamente fermato e sottoposto a perquisizione personale. I poliziotti hanno rinvenuto e sequestrato un involucro trasparente con 1,928 grammi lordi di cocaina che l’uomo nascondeva nella tasca destra dei pantaloni e 400 euro in contanti, mentre sotto i sedili posteriori del veicolo sono state rinvenute 2 buste con all’interno 1,018 kg lordi di marijuana, inoltre nella sua abitazione gli agenti hanno sequestrato un bilancino di precisione e 150 euro in contanti.

Sempre gli uomini della sezione Volanti hanno arrestato un 20enne Romano F. C. per detenzione  ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Gli agenti mentre transitavano in Via Trano hanno notato il giovane mentre riceveva del denaro contante da un’altra persona e successivamente raccoglieva una bustina di plastica occultata in un aiuola per poi riporla nuovamente nello stesso punto. I poliziotti accortisi dell’attività illecita hanno tentato di fermare i due uomini ma mentre l’acquirente è riuscito a darsi alla fuga , F. C. è stato fermato. All’interno della bustina di plastica prontamente recuperata dagli agenti sono stati trovati 4 involucri di hashish per un peso lordo di 2,6 grammi e 1 involucro di plastica contenente 0,5 grammi di marijuana mentre il 20enne sottoposto a perquisizione è stato trovato in possesso di 200,00 euro in contanti e un telefono cellulare che si presume fosse utilizzato per contattare eventuali acquirenti.

Laboratorio Analisi Lepetit

Gli Agenti del  commissariato Borgo durante un ordinario pattugliamento volto al controllo del territorio hanno arrestato 2 cittadini Albanesi, P. E.  di 25 anni con precedenti per reati di droga e S. K. di 40 anni, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. I due sono stati trovati in possesso di 8,85 grammi lordi di cocaina suddivisa in 18 involucri.

Gli agenti del commissariato Fidene Serpentara hanno tratto in arresto D. V. M. T. , un cittadino Cubano di 19 anni, per resistenza, oltraggio a Pubblico Ufficiale e detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. L’uomo è stato sorpreso in via Giuseppe de Marini mentre era intento a cedere sostanza stupefacente e dopo un vano tentativo di fuga è stato fermato dagli agenti nei confronti dei quali il 19enne ha opposto fin da subito resistenza cercando di divincolarsi con calci e pugni . Effettuata la perquisizione personale  e domiciliare questa dava esito positivo rinvenendo 68 grammi di hashish e circa 7.000 euro in contanti.

Ancora gli investigatori del commissariato Fidene-Serpentara hanno arrestato G.A., romano 50enne, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.  Durante la perquisizione domiciliare, gli agenti hanno rinvenuto un borsone contenente una cassaforte che, è stata aperta in commissariato con l’ausilio dei Vigili del Fuoco. All’interno è stata rinvenuta cocaina per un peso lordo complessivo di 172 grammi suddivisa in involucri di vario peso.

A seguito di uno specifico servizio di appostamento ed osservazione volto a contrastare il dilagante fenomeno del traffico delle sostanze stupefacenti o psicotrope, gli uomini della squadra investigativa del commissariato distaccato “Tivoli” hanno arrestato R. A., cittadino Italiano di 26 anni per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. L’uomo, infatti, deteneva in casa un considerevole quantitativo di marijuana da destinare allo spaccio per l’illecito mercato di Tivoli e di Guidonia Montecelio. La perquisizione presso la sua abitazione ha permesso di rinvenire 100 grammi di sostanza stupefacente del tipo marijuana e hashish, strumenti di precisione per la quantificazione del peso, involucri utilizzati per il confezionamento della sostanza, nonché numeroso materiale che comprova l’effettiva attività di spaccio svolta dall’uomo, come agende, annotazioni e 785 euro in contanti.

Gli Agenti del commissariato “Porta Maggiore” hanno arrestato un cittadino Senegalese C. L. di 47 anni, nel corso di un attività di monitoraggio degli ambienti legati alla tossicodipendenza. Gli agenti sono venuti a conoscenza di una possibile attività di spaccio messa in atto da cittadini Africani che sostando nella sede tramviaria sita nei pressi delle fermate di Piazzale Prenestino erano soliti vendere sostanza stupefacente, confondendosi con i passeggeri in attesa dei mezzi pubblici. I poliziotti hanno arrestato C. L.  per aver ceduto, in cambio di denaro, 0,40 grammi di sostanza stupefacente del tipo eroina ad un cittadino Italiano, anch’egli fermato e segnalato al prefetto. L’arrestato è stato sottoposto a perquisizione personale ed è stato trovato in possesso di 85,00 euro in contanti ritenuto il provento dell’illecita attività di spaccio di sostanza stupefacente.

Gli agenti del commissariato Esquilino hanno arrestato due sorelle, cittadine della Repubblica Dominicana, D. P. M. A. di 34 anni e D. P. A. R. di 32 anni, dedite allo spaccio di sostanza stupefacente del tipo Crack all’interno del loro appartamento. I poliziotti a seguito di un servizio di osservazione e hanno notato un uomo che si era introdotto all’interno dell’appartamento per poi uscire in possesso di 0,2 grammi di crack. Perquisito l’appartamento, sono stati rinvenuti 10 grammi di crack e 115 euro in contanti.

Gli uomini del commissariato San Basilio hanno arrestato in flagranza di reato 2 romani pluripregiudicati con precedenti per reati inerenti gli stupefacenti, S. T. di 34 anni e M. C. di 30 anni. I due erano sospettati di aver messo in atto una fiorente attività di spaccio di stupefacenti  all’interno dell’abitazione  di S. T. I due soggetti sono stati visti mentre cercavano di nascondere qualcosa in mezzo ai ciottoli dell’aiuola condominiale e sono stati colti in flagranza mentre vendevano una dose con 5 grammi di cocaina.  Un’attenta ricerca anche tramite le unità cinofile della Questura di Roma, ha permesso di rinvenire nella medesima aiuola 9 involucri di cocaina per un totale di 3,9 grammi. La perquisizione domiciliare effettuata presso l’abitazione di S. T. ha dato esito positivo, sono infatti stati rinvenuti 250,00 euro in contanti mentre nell’abitazione di M. C. sono stati rinvenuti 420,00 euro ritenuti anch’essi provento dell’illecita attività e della sostanza polverosa bianca, verosimile cocaina, del peso di 0,1 grammi posta su un ripiano dell’armadio della camera da letto.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti