Romani, risparmiamo tutti l’acqua. Campagna informativa dell’Acea

Uniamo le forze, compiendo milioni di piccoli gesti alla portata di tutti
Redazione - 22 Agosto 2017

Risparmiare acqua si può, è il messaggio della campagna informativa dell’Acea che informa che intanto prosegue il monitoraggio e riparazione perdite nella rete idrica

La campagna di sensibilizzazione, su stampa e con affissioni comunali, on air per un mese fornirà semplici ma importanti consigli per un uso corretto e consapevole dell’acqua.

Si tratta di piccoli accorgimenti da adottare nelle nostre case senza particolari sacrifici. Consentirebbero un considerevole risparmio nel consumo di acqua a livello cittadino in un momento di difficoltà idrica senza precedenti.

Oltre a verificare che il vostro contatore non giri a rubinetti chiusi, di seguito alcuni semplici gesti per un uso più consapevole dell’acqua:

•          Chiudi il rubinetto quando non ti serve: risparmi 5mila litri l’anno

•          Preferisci la doccia al bagno in vasca: risparmi 80/120 litri per doccia

•          Non usare il WC per piccoli rifiuti e installa lo scarico differenziato: risparmi 10/30mila litri l’anno

•          Avvia gli elettrodomestici solo a pieno carico: risparmi 8/11mila litri l’anno

•          Applica il frangigetto sui rubinetti: risparmi 6/8 mila litri l’anno

•          Ricicla l’acqua di cottura per l’innaffiamento: risparmi 1.400/1.800litri l’anno

“Quest’anno – si legge nel comunicato di lancio della campagna diffuso da Acea – l’area metropolitana di Roma, e tutta la Regione Lazio, è stata colpita da una siccità senza precedenti. Le precipitazioni sono state inferiori di circa il 70%, considerando la media degli ultimi tre anni, e le elevate temperature, di frequente oltre i 40°C, hanno fatto il resto”.

La campagna di comunicazione al via dal 21 agosto, sviluppata e realizzata, a costo zero, dalla Comunicazione di Acea (gli stessi protagonisti dei visual utilizzati sono tutti dipendenti aziendali) va ad affiancare il lavoro avviato a maggio dall’Acea per monitorare e riparare le centinaia di perdite, occulte e non, presenti nella rete idrica della Capitale. “Il lavoro, capillare – sottolinea Acea – che ha coinvolto e sta coinvolgendo centinaia di uomini e donne dell’azienda e del suo indotto, supportato da sofisticati strumenti tecnologici, sta già dando i suoi frutti: quasi 500 litri di acqua al secondo sono di nuovo a disposizione della cittadinanza”.

“Entro l’estate del 2018 – conclude Acea – grazie ad ulteriori interventi di bonifica della rete e di potenziamento degli impianti, saranno recuperati oltre 1.000 litri al secondo: una quantità importante, che consentirà ad Acea di non dover più captare dal lago di Bracciano”.

“Finalmente – sottolinea la sindaca Virginia Raggi – dopo anni di immobilismo in Acea si agisce con determinazione sul fronte manutenzione reti e lotta agli sprechi. E questo non può che portare ad una tripla soddisfazione: in primis per i cittadini-utenti, poi per l’ambiente e infine per gli azionisti”.
“Acea – prosegue la sindaca – già da maggio scorso, quando si è insediata la nuova governance, ha fatto partire una cabina regia per monitorare le reti e trovare perdite occulte. Ad oggi è stato controllato il 70% della rete idrica di Roma. E i risultati, in questi primi 5 mesi del nuovo Cda, già si vedono”


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti