Ronde, a Roma i supereroi dell’illegale

3 uomini mascherati avviano la campagna anti-ronde
di Maria Giovanna Tarullo - 10 Agosto 2009

Ormai da mesi l’argomento "ronde" imperversa su carta stampata, televisioni e anche nel mondo del web. Sono stati chiamati in causa politici, opinionisti e gli stessi cittadini che hanno dato vita ad accese discussioni. Ma coloro che decideranno di prendere parte al progetto delle "ronde", i "cittadini-vigilanti" che opereranno per la sicurezza della capitale, potrebbero scontrarsi con il gruppo "antironde" composto da tre uomini mascherati che si aggirano per le zone della vita notturna della Capitale, diffondendo il motto di : "per contrastare la deriva legalitaria occorre farsi coraggio e praticare l’illegalità con tutte le sue conseguenze".

L’idea dei "supereroi dell’illegale", cosi ama definirsi il gruppo, nasce a Roma circa un anno fa, ma ha preso il via solo nello scorso weekend con la messa in atto delle nuove norme sulla sicurezza.
Il gruppo è formato da: The Goalkeeper, il portiere, che organizza partite di pallone in mezzo alla strada. The Yuppie, scarica da Internet e diffonde Cd masterizzati ricchi di contenuti illegali. The Pope, vestito da Papa, si aggira per le strade regalando droghe leggere.
Il team antilegalità già hanno riscosso successo, venendo pubblicizzati da un gruppo di artisti che, oltre a scattar loro delle foto, sta anche preparando un documentario.
Nelle prossime settimane hanno annunciato il pattugliamento della capitale, come delle vere e proprie ronde. Inoltre non escludono di lanciare sfide alle ronde ufficiali nei prossimi mesi. "Sarà una battaglia dura, ma noi abbiamo il popolo dalla nostra poichè doniamo spazio al piacere dell’illegalità, nell’Italia delle ronde e degli sceriffi" promette The Goalkeeper uno dei leader del gruppo.

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti