Salute e sicurezza: una sfida per il benessere lavorativo

Seminario Tematico del Tavolo Lavoro Pd Municipio V e Gruppo LASS Piazza Grande
Serena Marrozzini - 10 Maggio 2019

Si è svolto il 6 maggio 2019, presso il circolo del Pd Torpignattara, il Seminario Tematico Salute e Sicurezza, promosso dal Tavolo Lavoro Municipale PD V e dal Gruppo LASS Piazza Grande.

Hanno partecipato con il loro intervento molteplici relatori: esperti della materia, dirigenti sindacali di profilo regionale e nazionale.

Daniele Ranieri, esperto mobbing e salute e sicurezza gruppo Lass piazza grande, Adele Amoroso, formatrice e ricercatrice sul tema sicurezza, Marco Immordino, coordinatore dell’area Salute e Sicurezzza Filcams cgil Roma Lazio, Aldo Amoretti, Segr. nazionale filcams cgil nazionale, Antonello Assogna, dirigente sindacale e fondazione Tarantelli, Stefano Ruvolo, responsabile Area salute e sicurezza Femca Cisl nazionale, Alessandro Mauriello, responsabile tavolo lavoro Pd V Municipio.

Con lo scopo di sensibilizzare sul tema trattato in modo efficacie ed efficiente, l’incontro tra Tavolo Lavoro Municipale PD V e Gruppo LASS Piazza Grande ha dato forma a diverse proposte e idee.

Uno dei principali obiettivi è quello di fondare un nuovo modello di sviluppo con un approccio radicale sul tema, delineando un vera agenda progressista per il Pd e aderendo agli obiettivi di “Agenda 2030”.

“Agenda 2030” è un programma di azione per le persone, il pianeta e la prosperità, sottoscritto nel settembre 2015 dai governi dei 193 Paesi membri dell’ONU. Inglobati 17 obiettivi per lo sviluppo sostenibile, tra cui “Salute e benessere”, per garantire una vita sana e promuovere il benessere a tutti e “ Lavoro dignitoso e crescita economica”, al fine di promuovere una crescita economica duratura, inclusiva e sostenibile, la piena occupazione e il lavoro dignitoso per tutti.

E’ inoltre importante un coordinamento e una mobilitazione sulle tematiche Salute e Sicurezza per gli operatori pubblici e gli schemi di appalto per un rispetto rigoroso delle normative e un sistema formativo adeguato. Occorre una sensibilizzazione dei cittadini sul tema perché venga compreso come un diritto individuale al quale non si può e non si deve rinunciare.

Prendendo in riferimento alcuni dati, i due settori più colpiti dagli infortuni e morti sul lavoro sono quelli dell’agricoltura e dell’edilizia, in cui la percentuale dei lavoratori irregolari è molto alta. La mancanza di tutele sul lavoro è la prima causa delle numerose vittime. Diventa quindi necessario fondare una nuova cultura del lavoro su queste tematiche e combattere il lavoro nero, il precariato e sensibilizzare le imprese e i cittadini.

È doveroso fare anche riferimento alla tecnologia e alla digitalizzazione che hanno imposto cambiamenti importanti e veloci alla vita dei lavorati e alle modalità produttive. La “Quarta Rivoluzione Industriale” o Economia digitale infatti è ormai tra noi e ha trasformato la cultura del lavoro e dell’innovazione industriale, modificando gli assetti produttivi e creando “nuovi modi di lavorare. La necessità è quella di armonizzare lo sviluppo e l’innovazione.

Si è inoltre fatto riferimento al sistema della bilateralità come una nuova idea sul tema Salute e Sicurezza, per favorire un clima di collaborazione tra le parti coinvolte.

Occuparsi del tema Salute e sicurezza significa puntare a una migliore democrazia economica e a una migliore cittadinanza territoriale e politica.

 

Serena Marrozzini


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti