Scuola Sciascia, quasi 76 pilastri danneggiati

Augusto Santori(Pdl): " “Preoccupazioni mie e dei genitori confermano gravità della situazione”
Enzo Luciani - 28 Settembre 2012

“Le rilevazioni effettuate dagli ingegneri strutturisti sul plesso della Sciascia, che il 18 settembre fu evacuata per l’implosione di un pilastro, stanno assumendo responsi di estrema gravità se è vero come è vero che su un campione di 76 pilastri analizzati sui più di cento presenti la maggior parte di essi si è rivelata gravemente danneggiata, di fatto consegnando a una lunga inagibilità l’intera struttura scolastica”, così dichiara in una nota Augusto Santori, consigliere del PDL del Municipio XV. “

In seguito a un colloquio avvenuto stamane personalmente con gli uffici tecnici del Municipio XV – prosegue Santori – la situazione appare ben più grave di quanto più ottimisticamente fino a qualche ora fa si pensava. Non solo perché sarà necessario procedere in somma urgenza e con tempi lunghi al ripristino delle condizioni di sicurezza della scuola ma anche perché lo stesso verbale della Commissione Stabili Pericolanti di Roma Capitale non fa ben sperare, se è vero che le fondamenta ad oggi risultano di tipologia sconosciuta”.

“Oggi decine e decine di genitori stanno esprimendo la propria preoccupazione – insiste Santori – per il rischio sventato ma anche per il futuro dei propri bimbi, attualmente ricollocati in altre strutture del territorio. La scuola Sciascia ospita infatti diverse classi della Scuola dell’Infanzia e delle elementari, compresa una classe ponte che ad oggi però non è stata ancora ospitata”“Il mio appello senza alcuna strumentalizzazione – conclude la nota – è al Sindaco Alemanno e agli Assessori Ghera e De Palo affinché provvedano in tempi brevi a sostenere il Municipio XV nella gestione di questa emergenza, considerato che politicamente l’Istituzione di prossimità non è stata nelle condizioni di governare adeguatamente questa situazione”.

Farmacia Federico consegna medicine

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti