Sempre più donne vittime di usura

L'Associazione Codici:"Il 2012 l'anno più redditizio per l'usura con un giro d’affari 3 miliardi di euro"
di M.G. T. - 30 Gennaio 2013

Donna, tra i 46 e i 65 anni, con un lavoro dipendente e residente a Roma. Questo è l’identikit della vittima che cade nella trappolla dell’usura delineato dall’Associazione Codici, attiva nel campo della difesa del cittadino, in particolar modo sul fronte dell’usura.

Attraverso le richieste d’aiuto lanciate all’associazione è stato possibile decretare l’anno 2012 come il più redditizio per gli usurai che, approfittando della terribile crisi economica che ha compromesso il futuro di moltissime imprese e famiglie, sono riusciti ad attirare nella loro morsa 28 mila commercianti per un giro d’affari stimato di 3 miliardi di euro (dati Sos Impresa), ma anche anziani, impiegati, professionisti.

Proprio come emerge dalla descrizione dell’associazione Codici sempre più donne finiscono con il rivolgersi all’usuraio illudendosi di risolvere i loro problemi finanziari, finendo poi con il rovinarsi per sempre la vita rimanendo vittime dell’incubo costante di ritorsioni verso familiari e amici. 

Secondo l’associazione Codici le segnalazioni di donne sono state nel corso dell’anno il 66% del totale. Il 30% delle segnalazioni sono arrivate invece da giovani. La fascia di età compresa tra i 46 e i 65 anni è salita al 58% dal 24% che era nel 2011. In crescita anche gli impiegati: il 57%, contro il 36% dello scorso anno. Scendono le casalinghe, che dal 21% del 2011 si attestano intorno a un 12%.

Una testimonianza per tutte, quella di una signora che si è rivolta a Codici: «Sono una vedova che ha ereditato debiti verso Equitalia e verso una banca. Vivo con la paura che mi prendono la casa. non so cosa fare, devo spacciare la droga? Andare in mano agli usurai?". 

Alessandra Coppola, responsabile dipartimento progettazione e organizzazione Codici spiega: "Persone come questa signora ha contattato il numero verde anti-usura soprattutto per informazioni, ma anche per problemi di sovraindebitamento, ha conosciuto il servizio tramite passaparola, da un conoscente".
 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti