Sgomberato dai nomadi il Ponte delle Valli

Messa in sicurezza la scarpata lungo la ferrovia. Inches: "promessa mantenuta"
Enzo Luciani - 15 Febbraio 2013
"A seguito della mia diffida al Gabinetto del Sindaco ed ai comandanti della  polizia municipale, del corpo e del II gruppo, finalmente sono stati sgomberati i nomadi accampati nei capanni ed è stata messa in sicurezza la scarpata che costeggia il marciapiede del viadotto delle Valli, nel tratto d’innesto della tangenziale Est direzione Monte Sacro". E’ quanto afferma in una nota il consigliere de La Destra in II Municipio massimo Inches.   "Il 22 Novembre – racconta – ero penetrato all’interno dell’insediamento, fin dentro le baracche costruite con materiali di scarto, lungo la ripida scarpata che degrada quasi a strapiombo verso la ferrovia, intimando agli occupanti abusivi di rimuovere l’ingente quantità d’immondizia che avevano accatastato, di demolire i loro capanni e di lasciare libero il terreno pubblico, a rischio della mia incolumità personale; chiedevo nel contempo l’intervento della Polizia Municipale per ripristinare la legalità ed eliminare lo stato di pericolo per i cittadini del secondo Municipio.     Le mie richieste erano cadute nel vuoto, dando luogo ad una serie di scaricabarile tra la polizia Municipale e l’Ente Ferrovie dello Stato, circa la competenza di chi doveva intervenire. Il 10 Febbraio – quattro giorni fa – ho  diffidato i Comandi della Polizia Municipale, il Gabinetto del Sindaco, il Segretario Generale, il responsabile delle Ferrovie dello Stato per l’immediato intervento, reso obbligatorio dalla normativa del Ministero delle Infrastrutture, circa la messa in sicurezza delle spallette dei viadotti, intimando che trascorsi 10 giorni avrei sporto denuncia in Procura nei confronti di tutti gli Uffici interessati per Omissione in Atti d’ufficio e Procurato Rischio per la Pubblica Incolumità, preannunciando  manifestazioni di protesta sul territorio.     Evidentemente nessun burocrate ha voluto rischiare di andare in giudizio ed oggi, dopo quasi tre mesi dalla mia richiesta, sono state accolte tutte le mie richieste. Come sempre le mie azioni ed i miei interventi non sono mai finalizzati ad interessi personali, come spesso accade nella mala politica, ma esclusivamente in favore della cittadinanza, che sempre più spesso si rivolge a me, essendo riuscito a conquistarmi la loro fiducia sul campo. Sono  a disposizione di chiunque vorrà segnalarmi, anche in forma anonima, qualsiasi tipo d’illegalità, anche nella verifica ed il controllo degli atti della Pubblica Amministrazione, garantendogli che ogni azione porterà solamente il mio nome". 

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti