Silvia Scozzese lascia la Giunta Marino

Dopo l'assessore ai Trasporti e il vicesindaco si dimette anche l'assessore al Bilancio
Redazione - 25 Luglio 2015

Dopo l’assessore ai Trasporti Guido Improta e il vicesindaco Luigi Nieri, la Giunta capitolina perde anche l’assessore al Bilancio Silvia Scozzese. Quest’ultima, arrivata lo scorso aprile per ricoprire il ruolo della dimissionaria Daniela Morgante, ha rassegnato le sue dimissioni per mezzo di una lettera indirizzata al sindaco Ignazio Marino, dove spiega: “Ritengo siano venute meno le condizioni della mia permanenza in Giunta.

Da un po’ di tempo registro l’affievolimento di questa azione ed il compimento di scelte che a me appaiono in contraddizione con le finalità che insieme ci eravamo dati. Condivido la necessità di potenziare la spesa nei settori relativi ai servizi alla città, ma essa non può essere costruita al di fuori degli ambiti di tipicità e di correttezza degli atti amministrativi, ambiti che devono costituire e rimanere il faro della nostra azione quotidiana”.

SilviaScozzeseA sostituire la Scozzese dovrebbe arrivare il parlamentare del Pd, Marco Causi. Anche se la decisione della Scozzese accelera l’arrivo del rimpasto di Giunta, prevista entro la prossima settimana.

Intanto, il primo cittadino ha dichiarato: “Ringrazio Silvia Scozzese per il preziosissimo lavoro svolto, che mi ha aiutato nella mia determinazione di riportare Roma non solo al risanamento dei conti e alla legalità contabile ma anche a disegnare e attuare un piano di rientro del quale sono profondamente orgoglioso.

Il lavoro di Silvia non ha mai tradito l’intuizione fortunata che ebbi quando la chiamai a una sfida così importante che ci ha permesso di interrompere percorsi amministrativi opachi, e altre volte illeciti, realizzati nel passato. Per questo auguro con affetto, rispetto e stima a Silvia il futuro brillante che merita. Noi continueremo a lavorare con l’obiettivo di trasformare la città e di farla diventare più vivibile, accogliente e moderna”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti