Silvio si contenta e gode – Beppe a ruota libera – Tasse sì e no – “Medice, cura te ipsum” – L’importanza di chiamarsi Luca – Il temuto ritorno di Carla – Antonio il grande

Fatti e misfatti di maggio 2012 di Mario Relandini
Enzo Luciani - 9 Maggio 2012

Silvio si contenta e gode

"Nella cerimonia molto solenne per celebrare la terza elezione di Vladimir Putin a Presidente della Federazione russa e alla quale sono state invitate più di tremila persone – si è compiaciuto Silvio Berlusconi – a me è stato dato il posto d’onore".

Complimenti. E però, nella consultazione elettorale parziale di domenica e lunedì scorsi alla quale sono state invitate più di nove milioni di persone, a Silvio è stato lasciato solo uno strapuntino. Ma si sa da sempre: chi si contenta gode.

Beppe a ruota libera

"Continuate pure ad insultarmi – ha gridato da un palco l’unico vincitore delle recenti amministrative parziali, Beppe Grillo – continuate, continuate così arriverò al 100% dei consensi".

Addirittura al 100%? Va bene il successo di oggi, ma – santo cielo – almeno un 2-3% ai partiti, domani, potrebbe pure lasciarglielo...

Tasse sì e no

"Non ci sarà alcuna tassa – ha assicurato il Ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali, Mario Catania – sul cibo cosiddetto "spazzatura"".

Adotta Abitare A

Peccato, però, che continuino ad esserci sempre più tasse, dirette o indirette, sul cibo naturale che quotidianamente consente di sopravvivere in salute.
.
"Medice, cura te ipsum"

"I nostri ragazzi – ha bacchettato in cattedra, a Torino, il Ministro al Welfare, Elsa Fornero – non conoscono neppure i rudimenti di aritmetica e matematica e, in taluni casi, non sanno far di conto".

Spesso è purtroppo vero. Ma loro almeno sono giovani e possono ancora imparare. Il dramma è che a non saper far di conto, in taluni casi, sono professori da tempo laureati e con tanto di "master" qua e di "master" là. Come si è potuto constatare, ad esempio, inorridendo di fronte a certe operazioni da matita blu fatte sulla lavagna di Palazzo Chigi. E dunque – come viene ricordato nel Vangelo di Luca – "medice, cura te ipsum" ("medico, cura te stesso"). Almeno prima di diagnosticare l’ignoranza altrui.

L’importanza di chiamarsi Luca

"Per avere costruito una ricca "dependance" dov’era soltanto un vecchio rudere all’interno della sua villa ad Anacapri – è stata la sentenza dei giudici – un anno di reclusione a Luca Cordero di Montezemolo".

Luca, Luca in carcere? Ma vogliamo scherzare? La pena, pur comminatagli, gli è stata tuttavia sospesa. Non foss’altro perché, magari, si sarebbe fermato il nuovo treno "Italo". E le "Ferrari", nei prossimi "Gran Premi automobilistici di formula 1", non avrebbero potuto prendere il via neppure per arrivare "fuori dal podio".

Il temuto ritorno di Carla

"Ora che non avrà più impegni di "première dame" – ha fatto sapere la sua "addetta alla comunicazione", Véronique Rampazzo – Carla Bruni tornerà a cantare".

Sembra che molti francesi, appena conosciuta la notizia, si siano pentiti per non avere confermato il consorte di Carla, Nicolas Sarkozy, all’Eliseo".

Antonio il grande

"Sapevo – ha dichiarato Antonio Conte, allenatore della "Juventus" campione d’ Italia 2012 – sapevo che sarei diventato un grande tecnico".

Modestamente. 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti