Sistemi Informatici: “Nuove ombre all’orizzonte per Roma Capitale”

Redazione - 18 Luglio 2019

“La vicenda legata alle criticità del nuovo sistema informatico adottato dall’Amministrazione capitolina continua e sembra trovare nuove problematiche. A quanto denunciato ieri infatti, in merito al nuovo sistema ERP JRoma, che si è sostituito al SAP, che sta pregiudicando il regolare svolgimento degli uffici comunali, nello specifico alla Ragioneria, si aggiunge un nuovo tassello. Infatti tra i tanti disservizi che stanno provocando ritardi nei tempi di pagamento ai fornitori, con danno per gli stessi e per Roma Capitale con pesanti ripercussioni in tema di tempestività dei pagamenti e relative sanzioni previste nella Legge di Bilancio 2018, spunta un esposto al Sindaco e al Ministro della Funzione Pubblica, fatto in data 16 luglio 2019, da parte di un avvocato creditore di Roma Capitale, quale procuratore antistatario in numerose sentenze contro l’Ente.

“La violazione segnalata, da circa due anni ad oggi da parte dell’Ufficio Liquidazioni dell’Avvocatura Capitolina dei termini previsti dall’art. 14 del D. Lgs 669/1996 convertito in Legge n. 30/1997, permette di notificare l’atto di precetto che preclude l’esecuzione forzata decorsi 120 giorni dalla notifica del titolo in forma esecutiva. Un problema non da poco se pensiamo che tali lungaggini burocratiche in merito alle liquidazioni, causano un notevole aumento delle spese legali contenute nell’atto di precetto che, se applicato alle migliaia di provvedimenti di liquidazione emessi da Roma Capitale, rappresenta un ingente danno erariale. Abbiamo a questo riguardo presentato immediatamente una nuova interrogazione al Sindaco, per sapere come intende intervenire per risolvere immediatamente le gravi criticità del sistema informatico ERP JRoma utilizzato per gli adempimenti contabili, perché l’ultima cosa che vogliamo è che siano i cittadini romani a pagare di tasca propria con denaro pubblico, gli errori e la pressapocaggine del M5s, sempre più incapace a guidare la città”.

Lo dichiara Francesco Figliomeni, consigliere di Fratelli d’Italia e vice presidente dell’Assemblea capitolina.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti