Sociale, Figliomeni (FDI): “Tavola rotonda per ripartire con la giusta attenzione”

Redazione - 15 Febbraio 2019
Abitare A Speciale

Si è svolta ieri, 14 febbraio 2019, una riunione nei locali dell’Associazione Planet Onlus in via G. Arcangeli, a Centocelle, sul tema delle Politiche Sociali, dove, alla presenza delle maggiori associazioni di settore, sono state prese in esame tutte le problematiche che ancora attendono di essere risolte.

Il Presidente della Consulta Cittadina per l’Handicap, Umberto Gialloreti, ha illustrato in linea generale come chi vive la disabilità sia portato tutti i giorni a grandi lotte per poter affermare i propri diritti e su come le risorse nel campo del sociale siano sempre più ridotte.

“Come componente della Commissione Capitolina Politiche Sociali e Responsabile Nazionale Politiche Sociali di Fratelli d’Italia – ha dichiarato Francesco Figliomeni, vice presidente dell’Assemblea Capitolina e Responsabile Nazionale Politiche Sociali di Fratelli d’Italia –  tengo a sottolineare che l’Amministrazione dovrebbe ascoltare le persone disabili per capire fino in fondo quali siano le loro aspettative e di conseguenza agire per la risoluzione della varie criticità.”

Molte le realtà presenti alla tavola rotonda, quali l’Ens-Ente Nazionale Sordi, il Progetto Filippide, l’Aism-Associazione Italiana Sclerosi Multipla, l’FSHD-Distrofia muscolare, l’Uic-Unione Italiana Ciechi ed altre importanti associazioni del settore, che hanno voluto portare la loro voce all’attenzione delle istituzioni.

“Tra le diverse criticità venute alla luce – sottolinea in un comunicato Francesco Figliomeni – figurano tra l’altro la scarsa presenza presso i presidi ospedalieri di medici in grado di conoscere e interagire con certe disabilità che, se non trattate nella maniera adeguata, in particolare quando ci si presenta in un pronto soccorso, possono peggiorare la situazione delle persone o anche il fatto che molte malattie considerate rare, ancora non possono contare su un giusto supporto nella società. L’Amministrazione e le altre Istituzioni devono attivarsi per maggiori finanziamenti da indirizzare nel modo giusto dopo aver ascoltato i diretti interessati, che ogni giorno vivono sulla propria pelle una mancata inclusione sociale.”


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti