Sport a Roma in viale Agosta

Domenica 3 giugno 2007 per la Giornata Nazionale dello Sport. Con basket, pallavolo, baseball, parkour, shaolin, capoeira, hip hop e altro ancora
Enzo Luciani - 29 Maggio 2007

Domenica 3 giugno il VI municipio, in collaborazione con le Associazioni Sportive territoriali, parteciperà alla quinta edizione di "Sport a Roma". L’appuntamento è in viale Agosta dalle 9.30 alle 12.30 dove si alterneranno la promozione di discipline note come il basket, la pallavolo, il baseball, a quelle meno conosciute come il parkour, lo shaolin, la capoeira, l’hip hop e altre ancora; sono previsti inoltre momenti ludici come l’esibizione di artisti di strada, i ritmi di Sambamarea e un’area giochi per bambini.

La festa è dedicata allo sport per i cittadini di ogni età, tesa a promuovere lo sport per chiunque, non solo per gli "atleti".

L’iniziativa, promossa dal Comune di Roma e dal Coni, rientra nell’ambito della più ampia manifestazione "Giornata Nazionale dello Sport" – che coinvolge numerosi Municipi della Capitale – prevista, sulla base di una direttiva della Presidenza del Consiglio, la prima Domenica di Giugno di ogni anno.

"Lo spirito di questa manifestazione, – ha affermato Massimo Piccardi, Consigliere Delegato alle Politiche dello Sport del Municipio Roma 6, – è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’utilità e sui benefici che la pratica sportiva apporta in termini di benessere e forma fisica. Il recupero dei veri valori dello sport, troppo spesso soffocati dalla competizione esasperata tesa solo alla vittoria. Sport a Roma vuole quindi essere una grande festa popolare per ritrovare lo spirito del divertimento gareggiando con sano agonismo con i propri amici, trascorrendo una mattinata all’aria aperta con la propria famiglia."

L’obiettivo è quello di incrementare la pratica sportiva: infatti parlare di sport oggi significa parlare di fenomeno sociale, dal momento che il numero di italiani che pratica attività fisica accresce di anno in anno, non solo tra i più giovani.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti