Stand Up-Baby al Teatro Manhattan

Dal 22 al 24 marzo 2019
a cura di Bruno Cimino e Bruna Fiorentino - 18 Marzo 2019

Una produzione Teatro Stabile di Roma® di e con Maria Beatrice Alonzi. Musica dal vivo di Francesco Guglielmi

Maria Beatrice Alonzi è alta 149 centimetri e, a quanto pare, non è mai riuscita ad arrivare allo sportello dello zucchero, ma a tutto il resto sì.

La protagonista è sola sul palco e il pubblico viene interpellato ogni tanto per sapere cosa ne pensi.

Ogni sera un pubblico diverso per uno spettacolo diverso dal sapore americano (dove la stand-up comedy va da sempre alla grande) e che da noi si chiama cabaret; se non fosse che Maria Beatrice, Bea per gli amici, non è abbastanza alta per fare un comico intero, ne fa solo uno in formato baby. Stand-Up Baby infatti è il racconto delle avventure della sua vita, ma anche di quella degli spettatori, con i quali interagisce per un’ora di risate e riflessioni su dove andiamo, cosa facciamo, ma soprattutto che strada sia meglio prendere per andare a Corso Francia, se il centro oppure la tangenziale.

Creando una favola tutta da ridere e che scompare, improvvisata, appena raccontata, anzi, recitata, con tanto di voci e suoni. Alla chitarra, sul palco con lei, Francesco Guglielmi. Entrambi attori, registi, impegnati nella Direzione del Teatro Stabile di Roma®, produttore dello spettacolo, ancora una volta impegnato nella creazione di un teatro accessibile, per un’ora di risate senza sosta.

 

Teatro Manhattan

Via del Boschetto 58 (Quartiere Monti, METRO CAVOUR)

Dal 22 al 24 marzo 2019

venerdì e sabato ore 20.30

domenica ore 18.30

 

INFO

È possibile prenotare al link

https://www.eventbrite.it/e/biglietti-stand-up-baby58663919362

oppure inviando una mail a biglietti@lasiti.it

o ancora con un messaggio WhatsApp al +393505973485

Ingressi riservato ai Soci

(la tessera ha un costo di 2 € una tantum valido per tutti gli spettacoli della stagione)

BIGLIETTI Intero: 15 € – Ridotti: 12 €

 

a cura di Bruno Cimino e Bruna Fiorentino


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti