Strisce blu, la sosta si paga con il Telepass

Arriva "Pyng" l'applicazione dedicata ai possessori del servizio che può essere attivata direttamente dallo smartphone
Redazione - 7 Febbraio 2015

Rivoluzione nel pagamento delle strisce blu. Da ora i romani grazie all’accordo tra Atac, Roma Capitale e Telepass potranno pagare la sosta utilizzando una semplice app gratuita per smartphone “Telepass Pyng“.

Il servizio, che può essere utilizzato anche a distanza senza necessariamente avere il Telepass in auto, permette di attivare la sosta, terminarla o prolungarla, con l’addebito dei soli minuti effettivi direttamente sul proprio conto.

capture-20150207-092739Per ora la Capitale è la prima città italiana ad offrire la nuova opzione di pagamento. Nelle prossime settimane il servizio sarà attivo anche presso l’aeroporto di Fiumicino e presto sarà esteso anche nelle principali città italiane.

“L’avvio di Telepass Pyng – ha dichiarato l’assessore alla Mobilità Guido Improta – rappresenta da parte di Atac un ulteriore passo in avanti sulla strada dell’innovazione e sull’uso delle nuove tecnologie, in coerenza con quanto stabilito nel nuovo Piano Generale del Traffico Urbano, per migliorare l’accessibilità e la fruibilità dei servizi connessi ai sistemi di mobilità all’interno della città”.

Oltre a semplificare il metodo di pagamento, l’app “Telepass Pyng” evita anche il problema di multe “fantasma” dovute alla mancata esposizione del classico ticket sul parabrezza.

Come spiega il presidente di Atac, Roberto Grappelli: “I nostri verificatori sono dotati di un apposito palmare per controllare tutti i tipi di sosta, parte dell’operazione di modernizzazione di Atac a cui stiamo lavorando con l’assessore Improta per riportare l’azienda a un collegamento diretto con Roma e i suoi cittadini. I verificatori dovranno solamente digitare la targa e in tempo reale l’apparato restituirà all’agente la durata e la validità del titolo acquistato”.

Per tutte le informazioni:  www.atac.roma.it/sosta  


Commenti

  Commenti: 1


  1. da non dimenticare uno spazio destinato ai disabili, vi benediranno!

Commenti