Farmacia Federico consegna medicine

Sul completamento del piano di zona di Casale Rosso

Incontro tra gli abitanti e l'assessore all'Urbanistica Corsini nella nuova sala consigliare del VII Municipio
di A. M. - 6 Ottobre 2011

Il 5 ottobre 2011 presso la nuova sala consiliare del Municipio Roma 7 in via G. Perlasca si è svolto un incontro con gli abitatni di Casale Rosso in cui l’arch. Maurizio Geusa del IX° dipartimento e l’assessore all’urbanistica On.le Marco Corsini hanno relazionato sull’aumento della previsione edificatoria dei Piani di Zona del II Peep.
Presenti all’incontro oltre che al Presidente del Municipio Roberto Mastrantonio anche gli assessori Moriconi, Galli e il presidente della commissione ambiente Tesoro.

Dopo la relazione introduttiva di Mastrantonio il quale ha spiegato come per il municipio l’incremento edificatorio di Casale Rosso previsto dalla delibera del Consiglio Comunale n° 23 del 1/3/2010, quantificabile in 19 appartamenti, possa tornare utile al completamento dell’area, è intervenuto l’Arch. Geusa che oltre a sostenere il piano di incremento edificatorio si è soffermato sul progetto che prevede la costruzione di un asilo nido nello spazio a verde che si trova tra l’immobile, sede della CMB e piazza Pino Pascali, cosa che allo stato attuale, ha dichiarato il tecnico, è da considerare impossibile e lo sarà fino a quando le Fs non realizzeranno l’interramento dell’elettrodotto che alimenta la ferrovia Tav… come dire campa cavallo che l’erba cresce !!!

Mastrantonio si è anche soffermato sull’imminente avvio dei lavori per costruzione della sala Booling tra via Severini e via M. Campigli e della possibilità dell’impatto positivo che questa opera potrebbe avere su un quadrante, oggi degradato anche per via della non presa in carico da parte del patrimonio del Comune di Roma e a cui si andrà ad aggiungere la realizzazione del progetto del Punto Verde Qualità di Via G. Morandi e la costruzione della nuova chiesa di S. Cirillo, opere che secondo Mastrantonio potrebbero costituire un buon viaticop er il rilancio del quartiere e la serenità dei residenti.

La parola è poi passata ai residenti di Casale Rosso. Appelli esasperati ed accorati per chiedere il diritto a poter vivere in un luogo dove la prostituzione non abbia la licenza di operare 24 ore al giorno fin sotto le finestre delle abitazioni e dove l’arroganza dei trans e dei loro clienti arriva ormai all’indicibile… dove ormai su un’area verde frequentata da bambini vengono lasciati i resti dei loro squallidi rapporti sessuali e urinano e defecano, trasformando il luogo della collinetta del casale in una sorta di latrina maleodorante a cielo aperto.
Altri cittadini si sono soffermati sulla mancanza di segnaletica nella piazzetta di via Franco Angeli e sullo stato di abbandono delle aree a verde, altri ancora sulla mancanza di illuminazione in uno dei piazzali adibiti a parcheggio.
C’è poi una giovane mamma che oltre alla sottolineatura dei problemi già sollevati dagli altri abitanti, ricorda la difficile coesistenza con il mercato domenicale di Porta Portese Est e la paura che i disagi potrebbero acuirsi con il costruendo palazzetto del Booling.
Alcuni proprietari residenti nel comprensorio si sono detti favorevoli anche alla costruzione in project finance di strutture sportive leggere (tennis/calcetto) nell’area verde lasciata per la costruzione improbabile dell’asilo nido, purchè questo serva a mantenere il resto delle area a verde e il decoro nell’itero piano di zona.

L’assessore Corsini rendendosi conto che molte delle criticità sollevate dai cittadini siano rappresentate dal fatto che il patrimonio del Comune di Roma (Ass. Antoniozzi) non ha ancora preso in consegna le aree ha assunto l’impegno di dare il proprio contributo per addivenire in tempi rapidi alla soluzione del problema ed in questo è stato sostenuto dall’arch. Geusa. L’assessore Corsini si è anche soffermato sulla positività che sicuramente avranno per il quadrante di Casale Rosso la realizzazione dei progetti sportivi e culturali decisi dall’amministrazione.

Il presidente della comm/ne Ambiente Alfonso Tesoro ha sostenuto che il completamento del piano di zona di Casale Rosso con la costruzione degli altri 19 appartamenti può essere da stimolo per l’acquisizione al patrimonio di Roma Capitale delle aree destinate a verde pubblico.

L’assessore all’ambiente del Municipio Roma 7 Moriconi ha sottolineato come il Presidente e la giunta siano stati sempre vicino agli abitanti di Casale Rosso e che qualora l’assessore Corsini attraverso il suo interessamento riuscisse a far superare quegli scogli burocratici che fino ad oggi hanno impedito di annoverare le aree in questione nel patrimonio comunale, gli sforzi per eliminare il degrado in questo quadrante di municipio… sarebbero di conseguenza raddoppiati !!!


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti