Sul possibile ritorno a Roma dell’on. Causi nella giunta Marino

Italia Nostra: "dovrebbe invece dare informazioni sui passati bilanci delle giunte Rutelli, Veltroni e Alemanno
Redazione - 25 Luglio 2015

“Si riconosce all’On Causi  grande competenza in materia di bilancio, ma certamente non quella di aver informato i cittadini romani dei problemi che ha provocato alla città approvando i tanto famosi (ma tuttora misteriosi) derivati”, si legge in un comunicato diffuso il 24 luglio 2015 dalla sezione romana di Italia Nostra.

“In tutti questi anni Italia Nostra Roma chiese a tutti, anche al Sindaco Alemanno, appena eletto, – continua il comunicato – di far luce non solo sui ‘derivati’, ma su tutti i buchi in bilancio provocati dalle Giunte precedenti sia di quelle di Rutelli,  che specialmente di quelle di Veltroni.

marco_causi-pd“Sui ‘punti verdi qualità’ non realizzati e pieni di abusi, sugli accordi di programma non rispettati per le opere pubbliche e con fideiussioni scadute e sulle tante grandi opere non terminate a cominciare dalle Vele di Calatrava che dovevano servire per i Mondiali di nuoto.

“Alemanno preferì non rispondere né denunciare quanto sapeva. Forse preferì avere in aula Giulio Cesare una “opposizione” morbida.

“Anche il Partito Radicale non riuscì ad avere informazioni sui ‘derivati’ con Emma Bonino quando era Presidente della Camera nel 2013. Le risposero che vi stava lavorando il Commissario.

“Oggi l’On. Causi – conclude Italia Nostra Roma – potrebbe finalmente spiegarci le ragioni che lo indussero ad utilizzarli e se ancora stanno producendo danni per il futuro e, con la sua indubbia competenza, spiegare anche a chi non è esperto di operazioni finanziarie l’attuale situazione dei debiti ‘fuori bilancio’ (metodo usato per aiutare Alemanno) e perché durante  il Governo Berlusconi-Tremonti il suo partito, non risulta denunciò ne si oppose duramente (coinvolgendo l’opinione pubblica) su tale escamotage che certo non dà trasparenza sui problemi drammatici di Roma.”


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti