Sport  

Super Totti rilancia la Roma

Strepitoso show del capitano che con una tripletta affonda la squadra barese per 3 a 1
di Marco Carboni - 23 Novembre 2009

Roma 22/11/2009 Stadio Olimpico. 1- Totti in azione. 2- Roma-Bari 1-0 rigore gol Totti. Foto Mezzelani-Gmt

E’ bastato un tempo al capitano giallorosso per chiudere la pratica Bari. La Roma si fa sentire, da subito, attaccando da nord verso sud. Vucinic colpisce il palo al 1’ minuto di gioco con un diagonale piazzato alla sinistra di Gillet. il Bari dimostra di essere una squadra compatta e ben organizzata: due minuti dopo si rende pericoloso con Barreto, che sfuggito ad Andreolli e lanciato a rete da solo, costringe Julio Sergio ad una parata miracolosa.Al 6’ Vucinic con un guizzo felino ruba palla a Ranocchia e s’invola verso l’area. Potrebbe passare a Totti, in posizione faverevole di tiro, ma preferisce fare tutto da solo e viene atterrato da Gillet. L’arbitro fischia il rigore. Batte Totti ed è il gol dell’1 a 0.
Al 14’ minuto la stessa musica. Il capitano si procura una punizione al limite dell’area e con un bolide lascia impietrito il portiere del Bari Gillet mettendo a segno il 2 a 0. Al 18’ applausi anche per Julio Sergio che respinge sotto la traversa un tiro al volo di Langella. Al 27’ un gol da antologia che, ancora una volta, porta la firma del Capitano: Totti, con un colpo di tacco,raccoglie la palla fuori dal lato corto dell’area e di esterno destro supera Gillet con un tiro all’incrocio dei pali. E’ 3 a 0.

Il secondo tempo scorre all’insegna del Bari che viene fuori con caparbietà e gioco. Al 28’ la squadra pugliese va in gol con Ranocchia che spizza di testa, direttamente da calcio d’angolo. La gara si conclude per 3 a 1. Tre punti d’oro per Ranieri che vede meno distante l’obiettivo Champion. Anche se come ha ammesso lui stesso "il lavoro da fare è ancora molto". 

IL TABELLINO

Roma: Julio Sergio; Burdisso, Mexes, Andreolli, Riise; Perrotta, Pizarro, Brighi, Vucinic (dal 29’st Baptista); Menez (dal 17’st Taddei), Totti (dal 45’st Okaka).
A disp.: Doni, Cerci, Motta, Faty.
All. Ranieri

Bari: Gillet, Masiello, Ranocchia, Bonucci, Parisi, Antonelli (dal 14’st Kamata), Donati, Almiron, Langella (dal 1’st Koman), Barreto, Kutuzov (dal 14’st Meggiorini).
A disp.: Padelli, Diamoutene, Stellini, De Vezze.
All.: Ventura

ARBITRO: Gava di Conegliano
ASSISTENTI: Carrer-Iannello
Quarto uomo: Baracani

MARCATORI: 6’pt (su rigore), 13’pt e 28’pt Totti, 28’st (aut) Andreolli.

Adotta Abitare A

NOTE: Ammoniti: Mexes, Andreolli. Recupero: 1’pt, 5’st. 

Le pagelle di Gianlugi Polcaro 

ROMA:

Julio Sergio 7,5: A chi gli aveva contestato di esser troppo basso, in una delle sue ultime interviste ha dichiarato di essere alto quanto Julio Cesar. Stavolta ha anche parato come il suo connazionale, mostrando una certa continuità che fa ben sperare. Doni è avvisato.

Burdisso 6: Ranieri lo mette fuori ruolo sulla destra. Motta non era al top e l’argentino, al rientro anche lui dall’infortunio, non demerita

Mexes 6,5: Sempre più leader di questa difesa. Si è ormai capito di non poter più fare affidamento su Juan. Lui si accolla tutte le responsabilità che un campione può assumersi

Andreolli 5,5: Ancora troppe sbavature, indipendentemente dall’autogol procurato, ma si intravedono buone capacità. Ma bravo Ranieri a mettergli partite su partite nelle gambe

Riise 6: Ci prova ancora su punizione ma con poca fortuna. In difesa ha veramente poco di cui occuparsi e quando può sale a dare una mano in avanti

Perrotta 7: Polmoni e carattere da campione del mondo. Un po’ sacrificato tra i tre della mediana, ma il suo filtro tra difesa e centrocampo è perfetto

Pizarro 6,5: Grazie a Brighi e Perrotta può liberamente impostare per la squadra e dialogare con scioltezza con capitan Totti, facendo nascere ottime combinazioni a in concorso con gli altri compagni

Brighi 6,5: Altro anello di congiunzione del centrocampo, che ha permesso lo schieramento del tridente leggero

Menez 6: Da trequartista ci si aspettava di più, ma è bravo a sgattaiolare dalle gabbie biancorosse. Serve, però, più freddezza sotto porta.

Totti 8,5: Al suo rientro si riprende tutto. Titoli per i tg e i giornali, la classifica marcatori, il tormentone Nazionale. L’ultimo fuoriclasse italiano dimostra ancora una volta la sua importanza. Non ha la condizione atletica migliore, ma possiede quanto basta per segnare su rigore, su punizione e in azione con un gol splendido. Con la palla al piede è impossibile che la perda, e i compagni sembrano rigenerati con lui alla guida. Insomma Ranieri ha risolto non pochi problemi

Vucinic 6,5: E’ particolarmente ispirato. Si inventa delle giocate di alta classe, ma non riesce a segnare. Bravo a procurasi il rigore netto che Totti realizza

18’st Taddei 5,5: Entra per coprire di più quando la Roma va in sofferenza nella ripresa. Non gli riesce molto

29’st Baptista s.v.: Qualche spunto, ma sempre troppo imballato

46’st Okaka s.v.

BARI

Gillet 5,5: Non può nulla contro lo strapotere di Totti, ma non è parso particolarmente pimpante. Non è certo la sua migliore prestazione

A. Masiello 5,5: Ha il suo bel da fare a rincorrere Vucinic, ma stavolta è serata no per tutta la squadra

Ranocchia 5,5: Anche lui fatica parecchio, non era proprio al top, serata da dimenticare

Bonucci 6: Nonostante le difficoltà difensive cerca sempre di impostare l’azione e far ripartire la squadra

Parisi 6: Ci prova su punizione ad impensierire la Roma, visto che i compagni d’attacco sono molto imprecisi. Lotta fino all’ultimo

Antonelli 5,5: Un po’ stralunato, perde il confronto con i più esperti mediani romanisti

Donati 5: Sempre fuori tempo, perde tutti gli scontri con gli avversari entrando talvolta in maniera scomposta

Almiron 6,5: Predica nel deserto. Difficile trovare dei compagni reattivi con cui dialogare. Prende un incrocio dei pali da distanza considerevole. Buoni piedi

Langella 5: Avrebbe qualche buona occasione, alcune delle quali se le procura da solo, ma sbaglia clamorosamente sotto porta

Kutuzov 6: Partita di grande sacrificio per i compagni, che lo fa essere troppo distante dalla porta romanista. Alla fine perde la sua spinta propulsiva in area avversaria

Barreto 5: Si mangia un gol facendosi ipnotizzare da J. Sergio. Per il resto non punge

1’s.t. Koman 5,5: Non fa meglio di Langella

14’s.t. Meggiorini s.v.

14’s.t. Kamata s.v.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti