Tasse tra inferno e paradiso – False invalidità. E i medici certificatori? – Lo scoop de “Il Giornale”

I Fatti e i Misfatti di agosto 2011 di Mario Relandini
Enzo Luciani - 22 Agosto 2011

Tasse tra inferno e paradiso

"E’ un dovere di tutti – è salito sul pulpito. a Madrid, il Presidente della Conferenza episcopale italiana, Angelo Bagnasco – pagare le tasse".

Sacrosanto ammonimento. C’è, tuttavia, chi osserva da quale pulpito giunga la predica. In quanto la Chiesa cattolica, di tasse, continua a non versarne neppure un euro. Non perché certo, sia da annoverare tra gli evasori. Ma perché, tra esenzioni e privilergi, pagare le tasse non le è dovuto. Come, ad esempio, l’Ici – non sulle chiese e sugli altri luoghi di culto – per carità – ma su tutti gli immobili destinati ad attività commerciali e alberghiere. Come l’ Irpef. Non su quanto ricevono i religiosi per il loro sostentamento – per carità – ma su quanto ricevono – tra stipendi, liquidazioni e pensioni – i dipendenti della Santa sede e dello Stato della Città del Vaticano. Come i diritti doganali e daziari. Non sugli oggetti sacri – per carità – ma su tutte le merci e tutti i medicinali in arrivo da qualsiasi località estera e venduti in buona parte, tra l’altro, nello spaccio e nella farmacia dalle parti del Portone di Sant’Anna. Tutte imposte non dovute, d’accordo, per intese particolari e speciali. Ma – la Chiesa dovrebbe insegnarlo per prima – la solidarietà non dovrebbhe essere imposta per legge: dovrebbe essere suggerita dall’etica e dall’amore per il prossimo. Accordi particolari e speciali le hanno consentito di vivere in un legale paradiso fiscale? Ben per lei. Ma qualcuno starebbe ora lì a negarle la volontà di partecipare, a sua volta, ad un nobile contributo per la ripresa del Paese? Di rinunciare, magari solo in occasione di questo momento difficile, a qualcuna delle sue esenzioni e a qualcuno dei suoi privilegi miliardari? No davvero. E, allora, sarebbe bello ed edificante, se il presidente della Conferenza episcopale italiana, Angelo Bagnasco, dopo avere giustamente minacciato l’inferno agli italici evasori fiscali, annunciasse al più presto una buona azione da paradiso. E, cioè, che la Chiesa cattolica è pronta anche lei, pur non a cingersi addirittura la vita con il cilicio, a stringere un pochino, almeno, la cinghia.

False invalidità. E i medici certificatori?

"Continua la caccia – si legge sui giornali – ai numerosi falsi invalidi che hanno intascato, per anni, ingiuste pensioni Inps".

Naturalmente più che giusto. Ma sarebbe interessante conoscere se, invece, è mai cominciata la caccia a tutti quei medici compiacenti i quali, per anni, hanno ufficialmente certificato quelle numerose false invalidità.

Lo scoop de "Il Giornale"

"Ecco – ha pubblicato con grandissimo risalto, in prima pagina, "Il Giornale" – quello che Silvio non può dire sulla crisi e sugli alleati".

Adotta Abitare A

Ma, se Silvio non lo può dire, a "Il Giornale" chi glielo ha detto? 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti