Terzo progetto musicale da solista, per Red Canzian

Il bassista dei Pooh, fresco assistito della DM Produzioni, di Danilo Mancuso, sta lavorando sul suo terzo album autonomo “Testimone del tempo: le canzoni della nostra vita”
Riccardo Faiella - 6 Marzo 2019

Bruno Canzian, il popolare Red, entrò a far parte dei Pooh grazie a un provino che la band organizzò per trovare un degno sostituto di Riccardo Fogli. In quell’occasione Red suonò per la prima volta il basso, un Fender bianco lasciato lì dallo stesso Fogli. Da quel lontano 1973, Red Canzian è diventato una colonna dei Pooh: bassista, voce e autore.

L’artista è attualmente in tour con un concerto-narrazione dal repertorio che ripercorre la più bella musica mondiale dagli anni Cinquanta ai giorni d’oggi, supportata da immagini e tanti brani dei Pooh, riletti e reinterpretati dalla sua proverbiale vena artistica.

Ma ha quasi completato il suo terzo album da solista dal titolo eloquente: “Testimone del tempo: le canzoni della nostra vita”, nel quale si potranno riconoscere le tracce delle sue origini artistiche e di tutta la musica che ha attraversato la sua esistenza.

«Voglio presentare al pubblico – dichiara Canzian – un progetto che sia la somma della musica che ha caratterizzato la mia vita, puntando sulla qualità della narrazione e delle canzoni. Ho scelto DM-Produzioni, perché ha dimostrato entusiasmo per lo spettacolo e per il progetto “Testimone del tempo”. Per noi che facciamo questo lavoro con amore, è importante trovare qualcuno che si entusiasmi del nostro entusiasmo».

Con queste parole, Red Canzian ha rivelato il suo nuovo roster, la DM Produzioni di Danilo Mancuso. L’importante società di management e booking, con sede a Milano, presente nel mercato italiano della musica live da oltre vent’anni, è tra le realtà più importanti di booking per il mercato estero e italiano, come attesta la lunga attività svolta per Toto Cotugno, Roberto Vecchioni, i Ricchi e Poveri, Danilo Sacco, Amedeo Minghi e Irene Fornaciari.

 

Riccardo Faiella

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti