Torino-Roma 1-1: frenata giallorossa

Cerci come Meggiorini 7,5 e De Sanctis come Pjanic e Ljajic 7 nelle pagelle di Gianluigi Polcaro
Marco Maestà - 4 Novembre 2013

La capolista trova il primo pareggio della stagione in terra piemontese e lo stop inflitto ai giallorossi dopo 10 vittorie consecutive è provocato, ironia della sorte, proprio da un ex romanista che riesce ad infrangere l’imbattibilità di De Sanctis al 63’.
Nel primo tempo la Roma era passata in vantaggio con Strootman che aveva finalizzato la rifinitura di Pjianic al centro dell’area.

La gara del Comunale di Torino inizia al piccolo trotto e le due squadre sembrano studiarsi come due pugili nei primi minuti dell’incontro.
Cerci da una parte e Pjianic dall’altra sono gli elementi più attivi e danno sempre l’impressione di essere gli unici a poter cambiare l’inerzia della gara.
Stootman PjianicAl 28’ infatti proprio dal bosniaco che aveva ricevuto un’imbucata di Balzaretti, arriva la palla buona per Strootman e Roma avanti per uno a zero. La gara però non si accende più di tanto ed il ritmo rimane basso. Il Toro si spinge in avanti, ma la Roma difende bene ed il match vive più di slanci agonistici che di spunti tecnici.

Nella ripresa la compagine romanista forse commette l’errore di pensare più a difendere il vantaggio che ad incrementarlo ed il Torino dopo un dubbio intervento di Meggiorini su Benatia, che si libera in area e crossa al centro, trova in Cerci l’uomo che al 63’ ristabilisce la parità.
I giallorossi hanno uno scossone d’orgoglio e non ci stanno ad interrompere la serie vittoriosa, ma i vari tentativi degli avanti giallorossi si infrangono o sulle mani di Padelli o sulle sviste dell’arbitro Banti, che non vede un netto fallo di rigore su Pjanic ed un altro possibile rigore su Maicon.

La capolista quindi si ferma, pareggiando la prima partita del suo campionato, ma l’impressione di forza che aveva dato fino a questo punto rimane intatta, perché la reazione avuta dopo il pareggio avversario, denota la consapevolezza nei propri mezzi e la determinazione dimostrata nel voler vincere la gara anche dopo il pari avversario, rende i tifosi sicuri che da domenica prossima col Sassuolo, la truppa di Garcia riprenderà la sua fantastica cavalcata vincente.

IL TABELLINO DI TORINO ROMA 1-1

TORINO: Padelli; Darmian, Glik, Moretti, D’Ambrosio; Basha, Gazzi, El Kaddouri (74′ Bellomo); Barreto (58′ Immobile), Cerci (88′ Maksimovic), Meggiorini.
A disp: Berni, Gomis, Masiello, Bovo, Pasquale, Brighi.
All. Ventura

ROMA: De Sanctis, Maicon, Benatia (73′ Marquinho), Burdisso, Balzaretti; Bradley, De Rossi, Strootman; Pjanic, Borriello (67′ Ljajic), Florenzi (87′ Dodò).
A disp.: Lobont, Skorupski, Romagnoli, Jedvaj, Torosidis, Taddei, Ricci, Caprari, Di Mariano.
All. Garcia.

Arbitro: Banti di Livorno. Assistenti: Marzaloni e Paganessi. IV uomo: Musolino. Assistenti di porta: Damato e Pinzani.

Reti: 28′ Strootman, 63′ Cerci

Note: ammoniti Benatia, Bradley (R), Basha, D’Ambrosio (T), Maicon (R). Recupero 4′ st

LE PAGELLE DI TORINO – ROMA 1-1 a cura di Gianluigi Polcaro

TORINO: Padelli 6; Darmian 5,5, Glik 6, Moretti 6, D’Ambrosio 6,5; Cerci 7,5 (dal 44′ s.t. Maksimovic s.v.), Gazzi 6,5, Basha 6, El Kaddouri 6 (dal 30′ s.t. Bellomo s.v.); Meggiorini 7,5, Barreto 5 (dal 14′ s.t. Immobile 5,5) All. Ventura 7,5

ROMA:

De Sanctis 7: Si fa trovare pronto sul tiro insidioso di Cerci e sulla gran botta di Meggiorini al volo. Una sicurezza

Maicon 5,5: Stavolta troppo in sordina. Si sveglia quando la squadra prende il gol

Benatia 6: Il giallo preso al primo fallo lo rende nervoso e alterna i consueti grandi interventi a falli rischiosi. Nell’azione del gol preso Meggiorini lo spinge un po’, ma è lui a sbagliare la posizione calcolando male la velocità della palla

(dal 28′ s.t. Marquinho) 6,5: Stavolta buon inserimento, giusti movimenti e qualche colpo insidioso

Burdisso 6,5: Il rientro da titolare dopo una stagione e un infortunio grave alle spalle. Senza timori si fa trovare pronto e impeccabile

Balzaretti 6: Parte molto bene inventando l’azione del gol giallorosso. Nella ripresa cala vistosamente e non riesce più a salire e sostenere il palleggio con i compagni, tanto è vero che i compagni scelgono Maicon per scaricare sull’esterno

Bradley 6,5: Tanta sostanza a centrocampo. Sempre presente e pronto a chiudere sulle ripartenze granata

De Rossi 6,5: Benissimo come sempre davanti alla difesa e, nel fraseggio con Pjanic e Strootman, non teme confronti. Prova nel primo tempo diversi lanci lunghi per sorprendere la difesa granata ma sono tutti sbagliati

Strootman 6,5: Grande padrone del centrocampo sia per sostanza che per capacità tecnico-tattica. Segna il gol della vittoria. Cala molto nella ripresa dopo un lavoro infinito

Florenzi 5,5: Con la presenza di Borriello e Pianjic più avanzato, fatica molto a ritrovarsi. Da notare solo il bel tiro al volo di poco sopra la traversa

(dal 42′ Dodò) s.v.

Borriello 5: Si perde tra le maglie del Toro. Fatica molto a fare la sponda per i compagni. Molto lento e poco reattivo gioca praticamente tutto il tempo spalle alla porta

(dal 22′ s.t. Ljajic) 7: Il suo innesto dà una marcia in più e il fraseggio con la batteria di centrocampo regala quel forcing finale che avrebbe meritato di più. Bravo e concentrato

Pjanic 7: E’ nel momento di maggiore difficoltà per la squadra che riesce a compattare il gruppo con le sue grandi giocate per vie centrali. Grande grinta e giocate di fino che fanno tremare i difensori piemontesi. Viene atterrato in area, ma l’arbitro gli nega un rigore netto

All. Garcia 6,5: Nonostante inserisca un centrocampista in più al posto di Ljajic il gol del Toro arriva lo stesso. A ritroso è stata tardiva la sostituzione di un Borriello poco incisivo per un Ljajic con una marcia in più

ARBITRO: Banti di Livorno 4: Almeno tre-quattro errori tra cui il rigore non dato alla Roma


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti