Torna l’ordinanza anti alcol

15enne ricoverata d'urgenza al Fatebenefratelli per coma etilico. Alemanno: "da sciagurati dare da bere ad una minorenne"
di Marco Rollero - 4 aprile 2011

L’episodio che ha coinvolto una ragazza quindicenne entrata in coma etilico durante la movida romana è "un comportamento sbagliato di una ragazza che è andata fuori controllo: bisogna trovare chi le ha dato l’alcol, cioè chi ha somministrato bevande alcoliche a una ragazza di 15 anni". Lo ha detto il sindaco di Roma Gianni Alemanno parlando dell’episodio avvenuto ieri Domenica 3 Aprile 2011, a Campo de’ fiori di una quindicenne finita in coma etilico, uno dei tanti accaduti nelle notti scorse e che ha portato all’emanazione dell’ordinanza anti alcol. Fino al 30 giugno stop alla vendita di alcol da asporto nelle vie del centro della Capitale.

"Noi possiamo assicurare che tutto questo  non avvenga per strada – ha sottolineato Alemanno – ma, se una persona entra in un locale e trova qualche sciagurato che gli da l’alcol anche se non ha l’età oppure si ubriaca a casa, siamo sul piano che attiene ad altro genere di interventi".

E in merito all’eventualità che chi voglia ubriacarsi lo faccia prima delle 23, orario di entrata in vigore del divieto come da ordinanza, il sindaco ha spiegato che "si possono applicare anche forme più dure". "Crediamo – ha detto – che l’equilibrio giusto per tenere vive le nostre strade è quello di avere delle regole".Alemanno ha raccontato di aver fatto un sopralluogo a Campo dè Fiori anche ieri sera e di aver trovato "un clima nettamente cambiato: il senso dell’ordinanza non è quello di impedire a tutti di bere, cosa che è materialmente impossibile, ma evitare che ci siano grandi assembramenti di persone che hanno alzato un pò il gomito e che sono fuori controllo".

E se c’è "qualche locale che eccede bisogna sanzionarlo perché non è ammissibile che un minorenne trovi chi gli da dell’alcol". Sempre nei luoghi della movida, a San Lorenzo, ieri sera un ragazzo di 25 anni è stato accoltellato alla testa e alla schiena davanti a un locale di via degli Ausoni. A quanto ricostruito dalla polizia, il giovane era intervenuto per sedare una lite tra due persone quando uno dei due lo ha colpito con un coltello prima di darsi alla fuga. Sulla vicenda indaga la polizia. Il ragazzo, romano, non è in gravi condizioni ed è ricoverato all’Umberto I con 25 giorni di prognosi.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti