Torquati-Rollo (XV Municipio): “Chiuso il Centro di Assistenza Alloggiativa Temporanea di Via della Cerquetta”

Comunicato stampa - 5 Agosto 2022

“Come comunicato dal Dipartimento Valorizzazione del Patrimonio e Politiche Abitative di Roma Capitale, che ringraziamo, il 28 luglio scorso si sono concluse le operazioni di chiusura del Centro di Assistenza Alloggiativa Temporanea di Via della Cerquetta n. 99 a La Storta, per un risparmio per l’amministrazione capitolina di oltre 665.000 euro annui.

All’interno della struttura, con capienza complessiva di 46 nuclei familiari, erano ospitate 34 famiglie, tutte con particolari stati di bisogno e ora ricollocate presso altri centri, dopo che ulteriori 12 erano già state trasferite a causa della chiusura di una parte della palazzina.

Una vicenda che abbiamo seguito sin dall’apertura del CAAT nel 2010 quando l’amministrazione capitolina di allora impose letteralmente il trasferimento dei nuclei familiari nella struttura senza che la decisione fosse condivisa con il Municipio e senza tener conto dei bisogni del territorio, ma soprattutto senza alcuna garanzia che il territorio fosse in grado di provvedere ai servizi primari e a una vita dignitosa per le persone ospitate.

Il Servizio Sociale Dipartimentale ha provveduto in questi mesi alla valutazione delle esigenze delle famiglie, tenendo conto dei differenti bisogni, anche e soprattutto in considerazione del proseguimento scolastico dei bambini e dei ragazzi che alloggiavano nella struttura e dell’impiego lavorativo degli adulti”.

Così in una nota il Presidente del Municipio XV, Daniele Torquati e l’Assessora alle Politiche Sociali, Agnese Rollo.


Commenti

  Commenti: 1


  1. la gente e i bambini che sono stati trasferiti da via della cerquetta 99 ,a via tineo stanno nella merd*, vivendo non una vita dignitosa ma pessima. Struttura in fase di decadenza. Dovete entrare e guardare dentro. I bambini erano protetti e ben curati nella via della cerquetta 99 ingiustamente hanno pagato la loro liberta non e giusto nei confronti delle persone che hanno trovato una vita normale ormai da tempo avevano tutto li.

Commenti