Torre Spaccata, svastiche e scritte inneggianti al Duce sulle serrande Pd e Sinistra Critica

Proseguono gli episodi di intolleranza
di A.M. - 8 Febbraio 2010

Preoccupa l’escalation di intolleranza e gli episodi di violenza, che, ormai sempre più frequentemente, si registrano nella capitale. Dopo lo sdegno per le scritte antisemite apparse, proprio nella giornata della memoria, nuovi episodi di intollerenza si sono verificati nella capitale. Qualche giorno fa gli attacchi al gazebo del PDL. La notte scorsa, invece, scritte inneggianti al Duce e svastiche sono comparse sulle serrande del circolo Pd di Torrrespaccata e della vicina sede di Sinistra Critica.

"Questi episodi – ha dichiarato il Circolo oggetto degli attacchi –  tendono a portare l’attività politica verso uno scontro che non accettiamo e su tale intendimento proseguiremo democraticamente ad esporre le nostre idee e le nostre proposte. Affinché sia chiaro che simili atti di “imbecillità”, al di la dell’esecrabile sfregio politico e del danno economico per la rimozione delle scritte, non saranno in grado di modificare la linea politica degli appartenenti al circolo né di provocare reazioni più che civili e democratiche.

Le imminenti elezioni regionali e l’avvio della campagna elettorale – conclude il coordinamento del circolo  – rendono più che mai necessario reagire con fermezza a questi attacchi, per affermare ancora una volta la necessità di estirpare dalla città di Roma la cultura dell’odio e per sensibilizzare i cittadini sugli accadimenti di questi ultimi mesi che denotano una allarmante escalation di violenza non solo di carattere politico ma anche di intolleranza, come i fenomeni di omofobia ed aggressioni, pestaggi, violenze a sfondo razzista, che stanno compromettendo la convivenza civile nella nostra città”.

“Sebbene – ha dichiarato Fulvio Papini, coordinatore del circolo – questi atti vengano spesso considerati, nei nostri quartieri, semplici episodi di vandalismo, noi siamo convinti che sia sbagliato sottovalutarli. E’ chiaro che ci sono delle forze, attive nel nostro quartiere, che vogliono trasformare il civile confronto politico che si sta aprendo con la campagna elettorale in uno scontro avvelenato. E’ un atto intimidatorio vero e proprio, che non fermerà l’impegno delle democratiche e dei democratici di Torre Spaccata”.

“Negli ultimi mesi – ha commentato il coordinatore municipale Pd, Andrea Sgrulletti – la città di Roma ha conosciuto numerosi episodi come quello che stanotte ha riguardato il circolo di Torre Spaccata. Le tracce della fervente attività di gruppi legati all’estrema destra, ancora sparuti per numero ma molto agguerriti, richiamano alla massima vigilanza tutte le forze politiche che hanno a cuore la civile convivenza e la pratica della democrazia. Nei quartieri del municipio VIII, purtroppo, l’attenzione a questi fenomeni è piuttosto scemata nel corso degli ultimi anni. Le amministrazioni comunale e municipale snobbano il tema della lotta alle scritte di stampo neofascista e xenofobo che sono ormai diffusissime in tutto il territorio. Esprimo la mia solidarietà e quella di tutto il Partito democratico municipale al circolo di Torre Spaccata e a Sinistra Critica”.

Sui recenti episodi interviene anche il PD in Campidoglio. "Gli attacchi di queste notti – ha affermato il capogruppo Umberto Marroni –  ai luoghi principi dell’attività politica territoriale e l’aggressione ai tre ragazzi di ieri a Garbatella sono atti vergognosi che non rispondono alle regole del civile e democratico confronto tra idee politiche diverse. La violenza come strumento di azione politica non è in alcun modo tollerabile. Roma è da mesi scenario di atti vili nei confronti delle sezioni territoriali dei partiti, è necessario quindi, per dare un segnale forte ed intransigente e per favorire una battuta d’arresto a queste violenze, fare chiarezza accertando al più presto gli autori di simili atti".

Per Luca Malcotti (PDL), invece, i fatti della scorsa notte sono "da condannare ma non da strumentalizzare". “Le scritte sulla sede di Sinistra Critica a Torre Spaccata e i tre episodi di vandalismo nei confronti dei gazebo del Popolo delle Libertà sono episodi da condannare senza indugio. Ma – continua il vice Coordinatore Vicario del Pdl di Roma e Lazio – attribuire tali episodi a oscure trame neo-fasciste è un ritornello anacronistico che contrasta con gli sforzi fatti dalla giunta Alemanno per arginare gesti di intolleranza come questi. E’ nostra intenzione, invece, non inserire elementi di tensione nella campagna elettorale e ci auguriamo che nessuno lo voglia fare evitando facili strumentalizzazioni. Resta – conclude Malcotti – la condanna senza appello a qualsiasi atto di intolleranza”. 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti