Tra ministri e ALI “L’Italia veloce”

Seconda giornata al Festival delle città
GiProietti - 30 Settembre 2021
Quando Matteo Ricci afferma che, allo stato attuale, per realizzare un’opera da 1 M€ occorrono 5 anni e una da 100M€ 15 anni, fa capire chiaramente’ perché dobbiamo correre per raggiungere in 5+1 anni tutti gli obiettivi del PNRR, da rendicontare semestre per semestre fino all’agosto 2026, rispettando tutte le pre-condizioni volute da UE (alcune formali, ma altre rappresentate da riforme pesanti e complesse).
Perciò i Ministri (Di Maio, Brunetta, Guerini, Speranza, Giovannini, Lamorgese, fino a stasera) e i moltissimi Sindaci intervenuti ( Ricci di Pesaro e Presidente ALI, Gori di Bg, Veltroni con il candidato PD a Roma Gualtieri, le ottime amministratrici di Settimo Torinese e di Crema, quelli di Mantova, Palazzi, Gualdo Tadino e Cerveteri, etc) hanno avuto molti argomenti complessi da approfondire e dibattere: l’efficienza del sistema di governance, la semplificazione delle norme e procedure, la necessita’ di un piu’ chiaro centralismo decisionale nel Parlamento, la chiarezza dei rapporti e delle responsabilità tra le Regioni e le Amministrazioni Comunali, soprattutto quelle delle grandi città, la necessità di finanziare subito progetti da avviare con urgenza, i sistemi di controllo, etc.
Molti gli spunti di riflessione, alto il livello concettuale dei discorsi e forte l’interesse dimostrato sui contenuti complessi da parte di tanti Sindaci e Assessori, avidi di direttive sui meriti delle disposizioni e sulle procedure da seguire.
Personalmente sono molto riconoscente agli Organizzatori dell’ALI, da cui ho avuto l’invito a partecipare, non tanto per l’ approfondimento del PNRR e del suo Regolamento, che ho seguiti nella loro elaborazione nei mesi scorsi e di cui ho scritto più volte, quanto per l’opportunità offertami di scambiare idee coi Sindaci di tutta Italia e con studiosi e giornalisti di altissimo livello. La direttrice dei GR Sala, Greco del TG3, Purgatori de LA7, l’ammirevole ed instancabile Da Milano, direttore dell’Espresso, l’ironico e profondo Beppe Severgnini, il direttore del Messaggero ed il sorprendente Aldo Cazzullo, che da editorialista autorevole dei massimi giornali italiani si e’ trasformato in un Esperto Dantista, lodato dall’espertissimo Presidente della Regione Toscana.
Poi piacevolissimi sono stati i colloqui col Presidente della Confederazione Artigiani CNA, Locatelli, e col Segretario Confederale UIL, Domenico Proietti, amico originario delle mie valli e colline. Anche loro hanno sottolineato la delicatezza del momento e la necessita’ di definire accordi Governo-Enti Locali-Organizzazioni Sindacali veloci per portare a regime efficacemente e con efficienza la gestione delle attività previste dal PNRR.
Molto gratificante il veloce scambio di idee con tre dei ministri intervenuti.
Pubblicità elettorale Regionali 2023

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti