Trasporti: “Poveri cittadini tra metro chiuse e bus sostitutivi”

La denuncia di Francesco Figliomeni, consigliere di Fratelli d’Italia e vice presidente dell’Assemblea Capitolina
Redazione - 29 Ottobre 2019

“Alla ben nota chiusura della stazione metro Barberini, che attende la riapertura a data da destinarsi, se ne aggiungono altre come Baldo degli Ubaldi che rimarrà ferma per i prossimi tre mesi, che sono soltanto alcuni dei problemi con cui i romani e turisti si confronteranno fino a dicembre. Infatti le sorprese non sono finite, tanto che la linea Ionio-Rebibbia-Laurentina è interessata da chiusure serali ma, visto che ormai da tantissimi mesi le metropolitane romane stentano a riprendersi dai numerosi disservizi grazie all’inettitudine grillina, forse sarebbe il caso di organizzare un piano di lavori e manutenzioni studiato e non lasciato al caso, per quando tutte le fermate torneranno a pieno regime.

“Ieri mezza Capitale è andata in tilt a causa del suicidio di una persona alla fermata di Garbatella, accadimento ovviamente incontrollato ma che è stato fatale per tanti cittadini che, a causa di quanto avvenuto, si sono visti interrotta la linea nella tratta Eur-Magliana-Castro Pretorio, proprio nell’orario di punta in cui i pendolari fanno ritorno a casa dal lavoro. Non si può far fronte all’imponderabile come nel caso di un suicidio, ma si può fare molto per creare le giuste condizioni di trasporto per la città che a causa dell’incapacità dell’Amministrazione pentastellata sembra non rialzarsi più dallo stato di prostrazione in cui versa ormai da tempo. Meno spot pubblicitari da parte del Sindaco Raggi e maggiore rispetto per i romani”.

Lo dichiara Francesco Figliomeni, consigliere di Fratelli d’Italia e vice presidente dell’Assemblea Capitolina.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti