Trasporto disabili: “Tutelare utenti, no a soluzioni pasticciate”

Lo afferma Francesco Figliomeni, vice presidente dell’Assemblea Capitolina e responsabile nazionale delle Politiche Sociali di Fratelli d’Italia
Redazione - 7 Ottobre 2019

“Ci stiamo interessando attivamente della problematica che stanno vivendo molti disabili romani che, di punto in bianco, si sono trovati di fronte all’interruzione del servizio di trasporto dei taxi. Una grave criticità per persone che non possono deambulare liberamente e che necessitano di un supporto sicuro e certo da parte dell’Amministrazione Capitolina. Dopo aver interloquito la scorsa settimana con il Sindaco Raggi e l’Assessore alla Mobilità Calabrese, avevamo sperato che il servizio potesse essere ripristinato immediatamente oltre al rimborso dei costi sostenuti in questa fase transitoria da tutte quelle persone costrette a far fronte per proprio conto alle spese necessarie per poter andare a lavoro o fare terapie mediche.

“Vogliamo inoltre sottolineare che il nuovo servizio non tiene conto di alcune tipologie orarie, come  il fatto di fornire il servizio taxi soltanto fino alle 22 con l’esclusione del sabato e della domenica, non tenendo minimamente conto che alcune persone  lavorano anche nei festivi e con orari notturni. Rinnoviamo ancora la richiesta alla giunta Raggi di intervenire con urgenza per risolvere tutti questi problemi che stanno rendendo la vita ancora più difficile a persone disabili che vengono in questo modo abbandonate a loro stesse e tra l’altro sono impossibilitate ad anticipare spese non previste a loro carico. Sia chiaro che, in mancanza di risposte immediate, come Fratelli d’Italia continueremo ad essere a fianco di queste persone sostenendo la loro battaglia di civiltà”.

Lo dichiara Francesco Figliomeni, vice presidente dell’Assemblea Capitolina e responsabile nazionale delle Politiche Sociali di Fratelli d’Italia.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti