Sport  

Trema la panchina di Zeman

Baldini: "possibilità di cambiare allenatore"
Enzo Luciani - 28 Gennaio 2013

Dopo l’ennesima delusione in campionato la panchina di Zeman è sempre più a rischio. Lo stesso ds Walter Baldini non esclude la possibilità di un cambio. "Studiamo la situazione contemplando l’idea di cambiare l’allenatore" ha detto il dirigente parlando di "risultati non soddisfacenti" e "rapporti cancerogeni". Sabatini in conferenza stampa ricorda come "la scelta di Zeman fosse arrivata in maniera quasi euforica", pensando che il boemo "avrebbe fatto prevalere la voglia di fare il calcio nella testa dei ragazzi, una calcio non garibaldino ma arrogante, prepotente che volesse schiacciare l’avversario con azione dinamica rivolta prevalentemente alla parte offensiva".

"Lo abbiamo lasciato lavorare – ha detto – e lui con molto coraggio ha capito le potenzialità di tanti calciatori, penso a Lamela ma non solo a lui, o scoperti e lanciati quindi un bel tratto del suo lavoro è stato apprezzato dalla società dagli sportivi e da tutti noi. Credo anche dai calciatori".

"Si arriva però ad una situazione, quella odierna, di poca soddisfazione rispetto a quello che la squadra riesce a produrre. Adesso ci fermeremo un pò interrogandoci sui motivi che non ci hanno portato a fare cose congrue alle richieste, parlo di lavoro, di proposte, oppure vedere se abbiamo sbagliato qualcosina nel comporre l’organico. Siamo in una fase di studio che contempla anche l’idea di potere cambiare l’allenatore, molto marginalmente perchè l’allenatore ha fatto bene con noi nonostante tutto e di cui siamo contenti".

Laboratorio Analisi Lepetit

Dopo queste precisazioni il ds torna alla realtà. "Bisogna recuperare assolutamente alcuni giocatori al progetto. Vanno normalizzati i rapporti serve una squadra unita. Certi modi di porsi sono normali per Zeman, non sono avvertiti tali da alcuni giocatori. Per risolvere alcuni rapporti cancerogeni, può bastare poco, anche un modo diverso di relazionarsi".

Dichiarazioni che aprono di fatto il toto-sostituto: tra i nomi più gettonati ci sono i tecnici Malesani e Alberto De Rossi ma anche storiche bandiere come Francesco Rocchi e Giuseppe Giannini.

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti