Turismo di prossimità: un viaggio alla scoperta dei dintorni di Roma

R. T. - 16 Aprile 2021

Sono ormai trascorsi più di 13 mesi dalla comparsa del Coronavirus ma la situazione, in Italia come in molti altri Paesi, sembra ben lungi dal tornare alla normalità. Questo nonostante il periodo di lockdown e le molteplici misure adottate. Anche i bambini sono stati costretti a sottostare a diverse limitazioni, tanto da rendersi necessaria, fino a pochi tempo fa, la chiusura delle scuole dell’infanzia. Ma a riscontrare le difficoltà maggiori sembra essere stato il settore terziario.

Ora, a causa del perdurare del divieto di circolazione tra Regioni, la nostra penisola si è avviata verso quello che viene definito “Turismo di prossimità“. Nelle prossime righe verranno descritte alcune mete meritevoli di maggiore considerazione da parte di chi vive a Roma:

  • Veroli
  • Lago di Nemi
  • Sutri
  • Castello di Bracciano

Veroli in Ciociaria

Museo Casamari

Museo archeologico Casamari

L’Abbazia di Casamari, situata a Veroli, comune della Ciociaria, è sorta sulle fondamenta in un antico luogo di culto della antica cittadina romana di Cereatae Marianae. Oggi, oltre ad ammirare gli interni, e a seguire le funzioni religiose arricchite da canti gregoriani, è possibile far visita alla Biblioteca contenente più di 800.000 volumi, e il piccolo ma affascinante Museo Archeologico.

Chi lo desidera potrà approfittare di qualche giorno di vacanza per un ritiro spiritale nella foresteria dell’Abbazia.

Un’altra visita merita il quartiere di Santa Croce nel piccolo borgo mediovale. E inerpicandosi si giungerà alla Chiesa di Sant’Erasmo edificata in stile romanico sopra un precedente monastero e che, secondo la tradizione, sarebbe stata fondata nel 529 da San Benedetto.

Sutri

Sutri: ingresso Anfiteatro

Percorrendo la Via Cassia è possibile imbattersi in diversi borghi. È sufficiente confrontare gli orari dei treni e acquistare un biglietto per coprire, in poco più di un’ora, la distanza che separa Roma da Sutri, nel viterbese. I primi insediamenti in questo borgo della Tuscia risalirebbero all’età del Bronzo.

Adotta Abitare A

Ideale per una gita fuori porta domenicale, o per un weekend, Sutri viene a trovarsi tra Il Lago di Vico e il Parco Naturale Regionale di Bracciano Martignano.

Quali sono le attrazioni imperdibili di Sutri? L’Anfiteatro Romano, splendidamente scavato nel tufo, il Mitreo, la Necropoli etrusca e il Duomo eretto nel XII secolo.

Lago di Nemi e Castello di Bracciano

Quello di Nemi è un lago di origine vulcanica meravigliosamente incastonato tra i Colli Albani della zona dei Castelli Romani. Percorrendo il giro del lago si potrà ammirare il Tempio di Diana, una delle attrazioni più suggestive del Parco Regionale dei Castelli Romani. Nemi, raggiungibile dal lago, è conosciuta anche per la produzione di fragoline di bosco.

Il Castello di Bracciano

Il Castello di Bracciano ha fatto da scenario, tra gli altri, al matrimonio della coppia formata da Isabella Rossellini e Martin Scorsese. Realizzato nel XV secolo, è un sito romantico, fuori dal tempo: ogni anno numerose coppie lo scelgono come meta per pronunciare il fatidico “sì”. Dopo la visita alle stanze della rocca possono far seguito un pranzo negli agriturismi situati in zona lago e una passeggiata pomeridiana in un’oasi naturale molto affascinante.

Cercando qualcosa di positivo della difficile situazione attuale, oggi chi risiede nelle grandi città ha l’occasione di riscoprire realtà poco distanti da dove risiede che, in altri momenti, rischierebbero di passare inosservate.

Quanto indicato nelle precedenti righe ha come unico obiettivo quello di farci maggiormente apprezzare la ricchezza di borghi, siti e paesaggi di un Paese unico come l’Italia. Prima di scegliere una meta, però, ricordiamoci sempre di verificare sui siti istituzionali se le disposizioni anti-Covid consentono di accedervi.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti