Un futuro all’insegna della biodiversità

Il 22 maggio giornata della salvaguardia dei beni naturali
di Valentina Rifici Silvestri - 21 Maggio 2012

Il 22 maggio 2012 è la Giornata Mondiale della Biodiversità (International Day for Biological Diversity), festività proclamata nel 2000 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite: ormai è chiaro che è urgente e indispensabile salvaguardare i beni della natura, difendere e tutelare la biodiversità.

L’Accademia del Leviatano a Roma organizza due incontri dedicati al tema: “Le Balene del Mar Tirreno: ecologia, distribuzione, impatto con il traffico marittimo e consapevolezza”.

Le balene, appartenenti all’ordine dei cetacei, popolano i mari di tutto il mondo e sono anche presenti nel Mediterraneo e nel mare antistante la Provincia di Roma.

Fin dagli anni ’90 i ricercatori dell’Università di Roma e dell’Accademia del Leviatano hanno studiato la presenza e la distribuzione dei cetacei del Mar Tirreno Centrale, sfruttando le rotte percorse dalle navi delle Ferrovie dello Stato, che collegavano il continente con la Sardegna. Nel 2007 lo stesso studio è stato ripreso dai ricercatori dell’Accademia del Leviatano che conducono il monitoraggio nel Mar Tirreno Centrale sulla rotta “Civitavecchia – Golfo Aranci”. La ricerca, condotta dal 2007 al 2011 ha dato risultati interessanti, registrando la presenza di specie di delfini e di grandi cetacei come la balenottera comune ed il capodoglio. Gli animali vengono avvistati lungo tutta la tratta ma, spesso, anche non lontano dal porto di Civitavecchia, a poche miglia dalla costa. Nel corso degli incontri verranno presentati, dunque, gli esiti di cinque anni di ricerche e saranno analizzati diversi temi ecologici e, naturalmente, spiccheranno le argomentazioni sulla presenza e sulla distribuzione dei cetacei nel Mar Tirreno, sulle loro migrazioni, sulle relazioni con il traffico marittimo e con i parametri oceanografici.

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti