Farmacia Federico consegna medicine

Una mozione per il Centro culturale integrato all’Alessandrino

Votata dal Consiglio del VII municipio il 4 giugno 2009
di Alessandro Moriconi - 4 Giugno 2009

A due giorni dalle elezioni Europee forse qualcuno si aspettava che la seduta del 4 giugno avvenisse in un clima più soft.
Ma grazie all’intervento di una cittadina residente in viale Alessandrino e al presidente del Comitato di quartiere, Citta’ Alessandrina, Angelo Pandimiglio, così non è stato.

La cittadina, che per motivi di sicurezza vuole mantenere l’anonimato, ha denunciato una situazione di degrado su via dell’Incoronata, ridotta ormai a discarica pubblica e aggravata dalla presenza di numerosi cittadini di etnia Rom, che a suo dire effetuano abusi di ogni genere, denunciando inoltre che le segnalazioni fatte fino ad oggi al VII municipio si sono rivelate un vero e proprio boomerang, nei confronti dei regolari proprietari confinanti.
Il presidente del Consiglio Marinucci, pur prendendo atto della denuncia ha dichiarato l’impossibilità del Municipio ad intervenire, ma che girerà comunque la richiesta al Sindaco e al Prefetto: le uniche autorità deputate ad emanare disposizioni in materia di demolizioni e trasferimenti di cittadini rom residenti in realtà abitative non autorizzate.

Successivamente è intervenuto Angelo Pandimiglio, storico presidente del comitato di Quartiere Città Alessandrina, il quale ha ricordato che la battaglia per ottenere il Centro Culturale Integrato su via dell’Uva e per  la sistemazione del mercato rionale di via dei Meli va avanti ormai fin dal 2001 ed ha visto la partecipazione e la sottoscrizione dei progetti da parte di oltre 6.000 cittadini dell’Alessandrino i quali hanno anche chiesto la sistemazione viaria delle strade d’accesso al futuro Centro Culturale.

Si è passati quindi alla discussione della relativa mozione.
Tra gli interventi a favore della realizzazione del Centro vi è stato quello del capogruppo Pd Michela Di Biase che si è soffermata sulla grave carenza di spazi aggregativi nel quartiere e sulla necessità di un impegno del Sindaco affichè i progetti richiesti e sottoscritti da migliaia di cittadini siano realizzati in tempi brevi.
Tra le opposizioni c’è stata la denuncia dei consiglieri Tedesco e Mercuri i quali si sono lamentati del modo di lavorare della Giunta municipale, in particolere in merito al’incompresibile dietro-front sul mercato di via dei Meli e quindi di fatto ad una vera e propria esautorazione del lavoro delle Commissioni.
Sul lavoro delle Commissioni è intervenuto anche Figliomeni il quale ha dichiarato che non si può continuare a lavorare senza l’ausilio della relativa documentazione. Altrettanto esplicita è stata la dichiarazione sul mercato, per il quale, ha detto, mi ero espresso positivamente (nella seduta della Commissione Commercio) già nella passata consiliatura e che non è possibile esprimere un parere negativo (da parte della Giunta) ad una richiesta avallata da oltre 6.000 cittadini, senza un ulteriore approfondimento tecnico politico di tutti i soggetti interessati.
Si è passati poi al voto della mozione per sollecitare la realizzazione del Centro che è stata approvata grazie al voto favorevole da parte dei consiglieri del Pd presenti e dei due consiglieri dell’Udc.
Astenuti… per le controversie con la Giunta, i consiglieri del Pdl


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti