Una poesia per Centocelle di Fernando Della Posta

Si è classificata seconda nella sezione “Poesia inedita” all’XI edizione del Premio Città di Chiaramonte Gulfi
Redazione - 29 Luglio 2019

La poesia che qui proponiamo, per gentile concessione dell’Autore, si è classificata seconda nella sezione “Poesia inedita” all’XI edizione del Premio Città di Chiaramonte Gulfi. Il premio ha sede a Chiaramonte Gulfi in provincia di Ragusa, Sicilia. Fernando Della Posta ha ottenuto anche una menzione di merito nella sezione “Libri Editi” dello stesso premio per il suo “Voltacielo”, edito a gennaio 2019 da Oèdipus Edizioni.

Centocelle
                          di Fernando Della Posta

Nuova periferia non nasce un poeta
che ti canti, né un pubblico disposto
ad ascoltarti. Se prima una ferita
ti slegava dagli stemmi, oggi una frattura
ti separa dai quartieri identitari.
Penisola che un fragile istmo attacca
a un cuore morto, nel tedio domenicale
il silenzio, un vuoto senza nome avvolgono
i tuoi stradoni solitari. Nell’osteria turca
ben quattro dico quattro signore slave
onorano un pranzo festivo; due ragazzini
guance nodose, tessuti scolpiti nel teak
bevono un espresso nazional-popolare;
la stessa magrezza di mio nonno giovanotto
appare nel levantino che esce dal locale.
Una bambina indù si rassicura sul mio resto,
mi propone stuzzicadenti cinesi. Esco contando
le persone su sei dita. Sui Gerani sta piovendo sole.

Fernando Della Posta (a destra nella foto), nato nel 1984 a Pontecorvo in provincia di Frosinone, è laureato in Scienze Statistiche, vive a Roma e lavora nel settore informatico. Ha pubblicato le raccolte poetiche: L’anno, la notte, il viaggio (Edizioni Progetto Cultura, 2011), Gli aloni del vapore d’Inverno (Divinafollia Edizioni, 2015), Cronache dall’Armistizio (Onirica Edizioni, 2017), Gli anelli di Saturno (Ensemble Edizioni, 2018), Voltacielo (Oèdipus Edizioni, 2019). Con Davide Cortese, Michele Ortore, Viviana Scarinci e Michela Zanarella, è uno degli autori dell’antologia Diramazioni urbane (Edizioni Cofine 2016, a cura di Anna Maria Curci).

 

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti