V municipio per il contrasto del fenomeno della violenza nei confronti delle donne

Firmato il 19 settembre il Protocollo d’Intesa per la promozione di strategie condivise
Redazione - 19 settembre 2018

Il 19 settembre 2018 mattina presso la Casa della Cultura di Villa De Sanctis – informa la presidenza del V Municipio –  “è stato firmato il Protocollo d’Intesa per la “promozione di strategie condivise finalizzate alla prevenzione ed al contrasto del fenomeno della violenza nei confronti delle donne” tra il Municipio V e un ampio partenariato istituzionale. Tra i firmatari dell’accordo, Policlinico Casilino, Ospedale Madre Giuseppina Vannini, Rete Scolastica di Ambito Territoriale 3, Polizia di Roma Capitale – V Gruppo Prenestino.  La sottoscrizione del Protocollo da parte della ASL Roma 2 è subordinata all’Accordo Quadro che dovrà sottoscrivere con il Comando Generale dei carabinieri, il Dipartimento di Pubblica Sicurezza – Questura di Roma e i Municipi che rientrano nell’ambito territoriale di competenza, mentre la sottoscrizione dell’accordo da parte della Questura di Roma è subordinata al nulla osta da parte del Ministero dell’Interno.

Il protocollo, che nasce dalla necessità condivisa di potenziare e concretizzare la collaborazione tra le diverse Istituzioni ed enti appartenenti al privato sociale che già operano già sul nostro territorio contro tale fenomeno, intende predisporre gli strumenti per la programmazione e gestione integrata e coordinata degli interventi in favore delle donne vittime di violenza di genere e dei loro figli, attraverso la costituzione di un tavolo permanente inter-istituzionale coordinato dal Municipio Roma V.

Tra le finalità dell’accordo, promuovere azioni di prevenzione di comportamenti maltrattanti, educare alla costruzione della cultura delle pari opportunità, mettendo in discussione stereotipi culturali e stimolando una diversa consapevolezza tra le giovani generazioni, pianificare interventi per aiutare le vittime ad emanciparsi dai contesti violenti e a sviluppare un progetto di vita indipendente, promuovere la formazione continua degli operatori che vengono a contatto con il fenomeno.

Fondamentale per il raggiungimento delle finalità sarà l’istituzione di un Osservatorio “dedicato” quale strumento strategico nel monitoraggio e nella prevenzione della violenza di genere. Una cabina di regia che permetterà a tutti gli attori coinvolti, ognuno con il proprio ruolo, di controllare le azioni di prevenzione e contrasto migliorandole laddove sia necessario, al fine di contribuire a rendere il contrasto alla violenza di genere più efficace”.

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti