Via Settimia Spizzichino, sarà ricollocata la nuova targa

Lunedì 16 luglio, ore 8.30, cerimonia in via Cassia
Enzo Luciani - 13 Luglio 2012

"Grazie alla richiesta dei familiari, del Municipio Roma XI e della Comunità Ebraica di Roma, lunedì 16 luglio alle ore 8.30 sarà riposizionata la nuova targa toponomastica di via Settimia Spizzichino
trafugata da ignoti vandali pochi giorni orsono". Lo rendono noto il Presidente del Municipio Roma XI, Andrea Catarci e l’Assessore alle Politiche Culturali e della Memoria del Municipio Roma XI, Carla Di Veroli.

Settimia Spizzichino è stata l’unica donna superstite della retata del 16 ottobre del 1943 del Ghetto di Roma. Personaggio molto popolare a Roma, aveva perso ad Auschwitz tutta la sua famiglia e aveva scelto di diventare il testimone vivente dell’orrore dello sterminio, perchè nessuno potesse dimenticare. Portò avanti il suo impegno continuativo teso a combattere le ideologie nostalgiche del nazismo e del fascismo.
Settimia Spizzichino ha vissuto fino al giorno della sua morte nel Quartiere Garbatella , dove ha attivamente partecipato alla vita sociale e politica, non mancando mai di incontrare gli alunni delle scuole che serbano di lei un ricordo indelebile.

Alla cerimonia, parteciperanno i familiari di Settimia Spizzichino, il Sindaco di Roma Capitale Gianni Alemanno, il Presidente della Provincia di Roma Nicola Zingaretti, il Presidente della Comunità Ebraica di Roma Riccardo Pacifici, l’Assessore alle Politiche Culturali e della Memoria del Municipio Roma XI Carla Di Veroli.

Appuntamento per chi desidera partecipare alla cerimonia:

alle ore 7.45 sotto la Scalinata dell’Ara Coeli (Campidoglio), dove saranno messi a disposizione dal Comune di Roma Capitale pulmini preceduti da motociclisti del Corpo di Polizia Municipale oppure.

Per coloro che intendono arrivare con propri mezzi, via Settimia Spizzichino si trova all’interno del Parco della Pace in località Tomba di Nerone – Via Cassia altezza civico 900, angolo con via di Grottarossa.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti