VIII edizione di ‘Invito a Palazzo’

Il 3 ottobre porte aperte dei palazzi storici delle banche italiane
di Patrizia Miracco - 22 Settembre 2009

Palazzo Rondinini, Roma

Alla sua ottava edizione l’Abi, sabato 3 ottobre, dalle ore 10.00 alle ore 19.00, aprirà le porte dei palazzi storici delle banche italiane.

Molte banche sono custodi di un immenso patrimonio artistico e architettonico, testimone di mille anni della nostra storia. L’iniziativa “Invito a Palazzo” anche quest’anno offrirà ai visitatori di 47 città, di 17 regioni italiane, i capolavori nascosti di 93 palazzi di 52 banche.

Ogni anno, infatti, ‘Invito a Palazzo’ si è rivelato un appuntamento culturale di grande successo. Nelle precedenti edizioni oltre 600 mila visitatori, italiani e stranieri, hanno ammirato i capolavori ben custoditi nei palazzi delle banche.

“Se questi palazzi con il loro patrimonio artistico – ha dichiarato Corrado Faissola. Presidente dell’Abi – non sono vissuti perdono molto del loro valore”.

“Giunta alla sua ottava edizione – ha poi proseguito Faissola – la manifestazione mantiene vivo lo spirito con cui è nata nel 2002: creare una nuova e diversa occasione di incontro con cittadini, clienti e dipendenti, restituendo al Palazzo la sua dignità sociale e culturale, oltre che la funzione di spazio civile e democratico che ha sempre ricoperto nella storia del nostro Paese”.

Roma sarà la città con più palazzi da visitare, ben 11, per questo sarà a disposizione dei visitatori una cartina e una navetta no-stop, che, dalle 10 alle 19, aiuterà a collegarsi ai vari edifici. La navetta avrà quattro fermate: piazza del Gesù 49, via Veneto 119, via Venti Settembre 30, via Piemonte 51.

L’elenco completo dei palazzi che parteciperanno all’iniziativa è disponibile sul sito http://palazzi.abi.it o telefonando al numero 06.6767400. Nelle filiali delle banche aderenti saranno disponibili dépliant con l’elenco completo dei palazzi. Entrata gratuita con visite guidate in italiano ed in inglese.

Adotta Abitare A

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti