Villa Adriana è salva. Ma ora? – ‘Vade retro’, Gotti Tedeschi – Maggiordomi 2012 – A sua insaputa

Fatti e misfatti di maggio 2012 di Mario Relandini
Enzo Luciani - 25 Maggio 2012

Villa Adriana è salva. Ma ora?

"Dopo il sì di giovedì – da Palazzo Chigi – il no di oggi a quella nuova discarica dei rifiuti romani che sarebbe dovuta sorgere a nemmeno un chilometro dalla splendida Villa Adriana".

Finalmente, dunque, il "premier" Monti ha potuto trovare il nanosecondo per ascoltare il qualificato parere del Ministro all’Ambiente e del Ministro ai Beni culturali e, insieme con il resto del suo Gabinetto, ha adottato la decisione ovviamente giusta. Ora, però, non è che tutto debba esaurirsi qui. E, infatti, il Consiglio dei Ministri ha nominato il prefetto Goffredo Sottile – al posto del dimissionario prefetto Giuseppe Pecoraro – affinché stringa i tempi per il reperimento di una zona possibile. Compito non facile, certo, soprattutto se dovesse continuare a trovare – come ha purtroppo trovato il suo predecessore – i mille ostacoli per lo più fittizi, i veti incrociati per principio e le puerili contrapposizioni per dispetto portati avanti dagli amministratori locali. Un’altra mondezza, insomma. Di fronte alla quale, però, la speranza è che non si scoraggi, si turi il naso e vada energicamente avanti nell’interesse della città.

‘Vade retro’, Gotti Tedeschi

"Il professor Ettore Gotti Tedeschi – si è letto, in sintesi, in un duro comunicato della Santa sede – è stato sfiduciato all’unanimità "per non avere svolto varie funzioni di primaria importanza per il suo ufficio" e non è più il presidente dello Ior".

Ma che cosa avrà fatto di tanto grave l’ormai ex presidente della banca vaticana? La Santa sede, almeno per ora, non ha fornito informazioni più circostanziate. Ma un fatto è più che noto: il professor Gotti Tedeschi aveva sempre operato, fin dal suo insediamento, per porre fine alle operazioni antiriciclaggio che tanto avevano coinvolto lo Ior di monsignor Marcinkus e per riportare la banca d’Oltretevere nella "white list" dell’Ocse (la lista dei Paesi virtuosi nella lotta contro il denaro sporco). Mica sarà stato questo fatto – "libera nos, Domine" – a determinare la clamorosa cacciata del professor Gotti Tedeschi…

Maggiordomi 2012

"Sarebbe il maggiordomo di Benedetto XVI° – secondo quanto starebbe filtrando dai Palazzi apostolici – colui il quale avrebbe sottratto e diffuso i documenti segreti della Santa sede".

Adotta Abitare A

Un tempo, nei "romanzi gialli", il maggiordomo era sempre l’assassino. Questa volta, per fortuna, il maggiordomo si è accontentato di impersonare soltanto il ruolo del ladro.

A sua insaputa

"Quando i magistrati sospettarono che la casa acquistata dall’onorevole Scajola con vista sul Colosseo fosse stata pagata parzialmente dall’imprenditore Diego Anemome – come si ricorderà – l’onorevole Scajola replicò che il fatto era avvenuto "a sua insaputa"".

Sia come sia, ora l’onorevole Scajola ha deciso di rivendere quella sua splendida casa. L’augurio, per lui, è che nessuno si faccia avanti, in questa occasione, per intascare "a sua insaputa" il frutto della vendita. 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti