Vissi d’arte, vissi d’amore, la grande lirica a Centocelle

Mercoledì 30 novembre presso il Circolo la Traccia
Olga Di Cagno - 1 Dicembre 2016

Mercoledì 30 novembre 2016 alle ore 20.30 il Circolo Culturale La Traccia ha ospitato una serata speciale promossa dall’associazione Polvere di Stelle.

Davanti ai numerosi presenti, Giuseppe Verdi e Giacomo Puccini si sono presentati al pubblico e raccontando parte delle loro vite e presentando alcune delle loro arie più celebri. Il professor Antonio Petrelli ed il dottor Henos Palmisano hanno vestito fisicamente i panni dei due grandi compositori, il soprano Monica Cucca D’Agostino e il pianista Massimo Multari ne hanno rappresentato alcune composizioni e la grande musica, immortale ed universale ha allietato i locali del Circolo La Traccia.

Le donne, amate, temute, sognate e rappresentate dai due grandi compositori hanno preso vita grazie alla maestria ed alla passione degli interpreti.

Dar Ciriola asporto

unnamed-46I partecipanti si sono persi e ritrovati, sferzati quasi dalle splendide note de “Santo di Patria” dall’Attila di Verdi, provato brividi di emozione ai primi accordi de “Si mi chiamano Mimi” da la Bohème di Puccini, ascoltato virtuosismi con “D’amor sull’ali rosee” da Il Trovatore di Verdi, commossi davanti alla forza delle donna ascoltando “Vissi d’arte” dalla Tosca di Puccini, provato a combattere il proprio destino con “O cieli azzurri” da l’Aida di Verdi ed, infine, hanno affidato tutto il proprio futuro alla speranza nel domani con “Un bel di vedremo” da la Madama Butterfly di Puccini.

Pochi giorni dopo la giornata contro la violenza sulle donne, ascoltare le storie di donne così diverse eppure uniche, vittime di violenza, di ricatti, vittime di una società che le ha relegate in ruoli marginali eppure pronte a lottare ha provocato un brivido di emozione in chi scrive.

Poter gustare la cucina proposta dal Circolo La Traccia ai soci, vecchi e nuovi, con piatti della tradizione romana e laziale, preparati con passione e competenza ed utilizzando materie prime di provenienza di assoluta eccellenza, artigianali e a km zero, è stata, in fine, un gustoso coronamento della serata.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti