Zecche volanti – Antievasione o prolobby? – Inter, Milan e Palazzo Marino – Pomodori infedeli – Basta! -Parole e fatti

Fatti e misfatti di settembre 2012 di Mario Relandini
Enzo Luciani - 8 Settembre 2012

Zecche volanti

"I passeggeri di un volo "Ryanair" Londra-Roma – è la notizia – punti dalle zecche che erano a bordo, hanno denunciato la compagnia "low cost" irlandese".

Ma quante storie, "my God"! La "Ryanair" mica aveva chiesto loro, per le zecche, un sovraprezzo sul biglietto...

Decathlon Prenestina saluta

Antievasione o prolobby?

"Il Governo – la voce è sempre più ricorrente – vorrebbe rendere obbligatori i pagamenti oltre i 50 euro solo con "bancomat" o "carte prepagate"".

Il motivo ufficiale di questo eventuale obbligo sarebbe quello di combattere con più efficacia il diffuso fenomeno dell’evasione fiscale. Che – ci mancherebbe altro – va certamente combattuto con tutti i mezzi. Qualcuno, tuttavia, ha creduto di vedere, in questo eventuale obbligo, più che altro un nuovo grande favore alla "lobby bancaria". Per dover pagare con "moneta elettronica" oltre i 50 euro, infatti, tutti coloro (tantissimi) i quali non possiedono oggi un "bancomat" o una "carta prepagata" sarebbero costretti ad aprire un conto in banca con tutte le spese e tutti i balzelli connessi. Ma con notevoli nuovi introiti, appunto, nelle casse degli istituti di credito. O no?

Inter, Milan e Palazzo Marino

"La convenzione che prevede biglietti gratuiti, per le partite di "Inter" e "Milan", ai consiglieri e assessori comunali di Palazzo Marino – ha creduto di chiudere la questione l’ufficio-stampa – è stata sottoscritta nel 2000 ed è trentennale".

E allora? Forse che, se il Comune chiedesse oggi di rinunciare a questa convenzione, le squadre di calcio di "Inter" e "Milan" si inquieterebbero a tal punto da citare in giudizio il sindaco Pisapia per inadempienza contrattuale? Ma siamo seri!

Pomodori infedeli

"Non mangiate pomodori – la campagna è stata lanciata, su "Facebook", dai salafiti dell’ "Associazione islamica popolare egiziana"- perché, se li tagliate in verticale, rivelano la presenza della croce di Gerusalemme e, cioè, di un simbolo cristiano".

I musulmani, però, non hanno gradito, anche perché forti consumatori di pomodori. E, così, i salafiti dell’ "Associazione islamica popolare egiziana" hanno dovuto correre ai ripari. "Mangiate pure i pomodori – hanno corretto il tiro – ma solo se li tagliate in orizzontale, in modo – cioè – che non appaia la croce di Gerusalemme". Ora, dunque, tutto ok: salvo l’islam, salvo il consumo dei pomodori.

Basta!

"E’ ora di parlare il linguaggio di verità e serietà – ha proclamato il segretario Lorenzo Cesa alla "Convention Udc" di Chianciano – Basta con gli errori del passato, basta con gli unti del Signore, basta con l’epica dell’uomo della Provvidenza".

Alla "Convention Udc" di Chianciano, infatti, dal simbolo del partito è stato eliminato il nome di Casini.

Parole e fatti

"Sono ben 14.400 – dati dell’ associazione "Openpolis" – le aziende italiane che, dall’inizio della crisi economica, hanno dovuto dichiarare fallimento a causa dei ritardi nei pagamenti dovuti dalla Pubblica amministrazione".

Le parole e le promesse del Gabinetto tecnico sono per carità molto belle, ma i fatti reali – molto brutti – sono intanto anche questi. 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti