Zingaretti si candida alla Regione Lazio

Ferrari(PD): "c'è bisogno di un candidato come Zingaretti". Simonelli(PdL):"candidatura schiaffo a comuni e cittadini"
Enzo Luciani - 4 Ottobre 2012

Già in molti se lo immaginavano come Sindaco di Roma e invece, Nicola Zingaretti, dopo la bufera che ha investito la Regione Lazio e che porterà a nuove elezioni, ha dato il suo assenzo ad una eventuale candidatura come governatore.

A rilanciare il suo nome è il segretario regionale del Pd Enrico Gasbarra. ”Chiedo il mandato per proporre alla coalizione di mettere a disposizione Zingaretti che può guidare il nuovo percorso e una nuova fase costituente”, ha detto aprendo la riunione della direzione.

"Bene la candidatura di Nicola Zingaretti per la presidenza della Regione Lazio". commenta in una nota  Alfredo Ferrari, Vice Presidente della Commissione Bilancio del Comune di Roma.

"Buono – prosegue – il lavoro di ricucitura fatto nel del partito dal segretario regionale, Enrico Gasbarra, che, in un clima giustamente definito di emergenza democratica, ha puntato su uno degli uomini migliori che il centrosinistra potesse esprimere.

 

Ora, da consigliere dell’Assemblea Capitolina, auspico che accada lo stesso per Roma. C’è bisogno di un quadro politico e programmatico definito, che faccia uscire la Capitale dal disastro in cui l’ha portata il centrodestra. C’è bisogno di un candidato che, all’interno una ampia coalizione, sappia dialogare con tutte le realtà presenti in una città complessa come questa".

 

A proposito di Roma i principali rumors per il candidato a Sindaco fanno riferimento ad Andrea Riccardi, noto fondatore della Comunità di S. Egidio che ad una sua eventale candidatura ha risposto ai giornalisti:  "Fare il sindaco di Roma è una cosa bellissima. Se me lo chiedesse un segretario di partito ne discuterei con lui e gli risponderei di sì o di no".  

Adotta Abitare A

 

In queste ore di "toto nomine" nel Pd arriva anche la reazione del Pdl. “L’annuncio della candidatura di Zingaretti alle prossime elezioni regionali del Lazio, e quindi le eventuali dimissioni da Presidente della Provincia di Roma, rappresentano uno schiaffo e un tradimento inferto ai 121 comuni della Provincia e ai suoi 4,2 milioni di abitanti. Dichiara, in una nota, il capogruppo e consigliere del Pdl alla Provincia di Roma Andrea Simonelli.

 

 

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti