ZTL, Bordoni (Lega): “Rovina il commercio e getta nel caos i trasporti”

Torna attiva la ZTL dando il colpo di grazia al Commercio. Mezzi pubblici assolutamente insufficienti, attività isolate e senza aiuti, lavoratori e studenti in difficoltà.
Come sempre manca una visione di città e l’interdipendenza di fattori come Mobilità, Commercio e Salute pubblica viene gravemente sottovalutata dalla Sindaca Raggi che non pensa alle conseguenze di quello che fa.
Ripristinare i varchi elettronici in tutto il Tridente “di colpo”, tutti insieme, agli stessi orari prima della pandemia, impatta in modo negativo con le cambiate esigenze dei romani che tra smart-working, apertura delle scuole, necessità di mantenere viva l’economa cittadina e spostamenti in totale sicurezza devono vedersela con abitudini del tutto diverse.”

Così in una nota il consigliere capitolino della Lega-Salvini Premier Davide Bordoni

“Con la ZTL – prosegue Bordoni – il Commercio invece di essere incentivato viene penalizzato e i mezzi pubblici restano insufficienti. Il provvedimento della sindaca colpisce tutti indistintamente, chi si reca in Centro per lavorare, per studiare o per portare avanti le proprie attività commerciali o di ristorazione.
Per chi non vuole viaggiare su bus stipati ben oltre quello che le norme sul Covid consentono, l’alternativa è l’uso dell’auto con le conseguenze sul traffico che tutti possono comprendere.
Abbiamo chiesto una Commissione urgente Commercio-Mobilità per capire come limitare i danni. Era stata la stessa Raggi ad auspicare un potenziamento della flotta Atac ma in pochi giorni prima della riapertura di scuole e uffici non sarà certo possibile raddoppiare la quantità dei mezzi. Si sarebbe dovuto procedere per gradi e non sulla pelle dei cittadini con un provvedimento privo di senso non solo sotto il profilo economico ma anche della mobilità”.

Fascia Verde e Anello Ferroviario


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙
Se riscontri problemi con la donazione libera contattaci: e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati