Laboratorio Analisi Lepetit

1969-2009: Ieri, oggi, domani, il lavoro e la vita

Incontro con Chiara Ingrao, autrice del libro "Dita di Dama"
Enzo Luciani - 15 Novembre 2009

La Libreria Rinascita e l’Associazione Methexis presentano giovedì 19 Novembre 2009, alle ore 21, presso la libreria di largo Agosta: 1969-2009: Ieri, oggi, domani, il lavoro e la vita, incontro con Chiara Ingrao, autrice del libro “Dita di Dama” .

Ancora una volta attraverso la metafora del racconto, l’Associazione Methexis intende affrontare il tema delle esperienze di aggregazione nel mondo del lavoro, dell’università e nei contesti sociali di quartiere, al fine di individuare un file rouge tra le esperienze del ’68 e le attuali forme di partecipazione, riflettendo su punti di contatto e differenze.

L’opportunità di confronto nasce dalla presentazione del libro “Dita di Dama” di Chiara Ingrao, interprete, sindacalista, parlamentare, consulente del Ministro per le Pari opportunità, ex dirigente dell’Associazione per la pace, impegnata nel movimento femminista, nelle iniziative contro il razzismo e per i diritti umani.

“Dita di Dama” è un libro al femminile, ambientato nell’autunno caldo del 1969, che racconta, attraverso la storia di due amiche, una lavoratrice e una studentessa, le lotte di un gruppo di operaie all’interno di una fabbrica di Roma.

…”Operaia. Era bastata quella parola, a farle crollare il mondo addosso. Operaia: lacrime calde che mi colavano nel collo, il naso gonfio strofinato sulla camicetta, a sbrodolarmi di moccio. Frasi smozzicate, fra un singhiozzo e l’altro, come una bambina piccola: perché quello ha detto… Ma come fanno a pensare… E la stenodattilo? L’operaia, Francé. L’operaia!! Digli di no, ho detto io. Rifiutati.”

Il libro è il punto di partenza per un dibattito tra il pubblico, l’autrice e alcuni protagonisti di quegli anni: le operaie della Voxson, esponenti dei collettivi di Medicina e Carlo Bracci dell’Associazione Umanitaria "Medici contro la tortura", che lavorò all’interno delle fabbriche per tutelare la salute dei lavoratori.

Il racconto assumerà nel corso della serata diverse forme espressive, dalla storia orale alla lettura, dalla musica all’immagine; a tal riguardo interverranno Sandro Portelli, presidente del Circolo Gianni Bosio, Sara Modigliani , Alfredo Messina e Felice Zaccheo che faranno rivivere i canti e la musica delle lotte e dei movimenti di quegli anni.

L’intento di questo incontro, tra aneddoti e storie di vita, è far emergere la capacità di aggregare, la creatività e la concretezza che hanno caratterizzato alcune esperienze del ’68, e costruire, senza rimanere ancorati al passato, un confronto tra coloro che oggi s’impegnano per migliorare il mondo del lavoro, l’università e la vita nei quartieri di Roma.

Adotta Abitare A

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti