21 marzo: Giornata Mondiale della Poesia 2007

Alle 21 “Viaggio verso”, una kermesse poetica alla Sala Sinopoli dell’Auditorium Parco della Musica
di Claudia Tifi - 15 Marzo 2007

Fin dal 1999, in Italia e in tutti gli Stati membri, l’Unesco ha dichiarato il primo giorno di primavera, Giornata Mondiale della Poesia. La Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco in collaborazione con la cooperativa Itaca e l’associazione culturale “G.B. Studio” ha pensato a una manifestazione a ingresso gratuito, “Viaggio verso”, per mettere in primo piano la migliore letteratura italiana da Francesco D’Assisi a Pasolini e per favorire il confronto con la filosofia orientale.
Alle 21, presso la Sala Sinopoli dell’Auditorium Parco della Musica, in via P. de Coubertin 30, i versi dei più grandi poeti italiani si fondono con la musica classica di Verdi, Mascagni, Ponchielli e molti altri, eseguita dalla Banda dell’Arma dei Carabinieri. Ideata e interpretata da Cosimo Cinieri, assistito da Irma Immacolata Palazzo per la regia e da Lietta Ciacciarelli per la realizzazione, questa prima parte vuole far rivivere il glorioso passato artistico del nostro paese con le parole e le note che più lo hanno forgiato.

L’altra parte è dedicata al poeta persiano Jalâl âlDîn Rûmî, nel 2007 ricorre l’anniversario dell’ottocentesimo anno dalla nascita di questo grande profeta del sufismo. Pace, tolleranza interreligiosa, armonia con l’universo sono i valori universali di cui Rûmî fu portavoce grazie alla poesia e alla saggezza che trapelano dalla sua opera principale, il “Mathnawi”, un trattato di teosofia anche detto “corano in lingua persiana”, e dai brani mistici del “Divan-i Shams-i Tabriz, il Canzoniere di Shams-i Tabriz.
Le letture, tratte da questi capolavori, saranno accompagnate da musiche persiane eseguite con tradizionali strumenti a percussione e a corda. Tambur, setâr, târ saranno suonati dall’iraniano Siamak Guran, daff e dairé da Paolo Modugno, lo zarb da Paolo Pacciolla, con anche le voci di Simone Franco e Lucia Antolini.

Per saperne di più o per conoscere altre manifestazioni promosse dalla Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO visitare il sito www.unesco.it.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti