A Ciampino la medaglia d’argento per il miglior vino biologico

Premiata in Campidoglio l’Azienda “Riserva della Cascina” in occasione della Rassegna “Biodivino 2009”
di Federica Nalli - 7 Luglio 2009

Cutrufo, Brannetti e Gentile

In occasione della 4° edizione della rassegna “Biodivino” l’Assessore alle attività produttive, Emanuela Gentile, ha ritirato il 6 luglio, presso il Campidoglio alla presenza del vice Sindaco Cutrufo, la medaglia d’argento per il Sindaco di Ciampino per il vino “Marino superiore doc” vendemmia 2008 prodotto dall’azienda “Riserva della Cascina” di Giuseppe Brannetti.

Obiettivo della rassegna, organizzata dall’Associazione “Città del Bio” è la premiazione e la valorizzazione dei migliori vini biologici d’Italia e anche dei Sindaci e dei Comuni nei cui territori sono stati prodotti i vini premiati. In questo modo si vuole evidenziare la stretta dipendenza che esiste tra "qualità delle produzioni" e "qualità dei territori".

È importante infatti costruire "sistemi territoriali integrati", che promuovano il coinvolgimento di tutti gli operatori economici del territorio, dall’agroalimentare all’ospitalità.

Il merito del riconoscimento al comune di Ciampino è dovuto alla presenza dell’azienda agricola "Riserva della Cascina" di via F.lli Wright che ha ottenuto, per il terzo anno consecutivo, il tributo per il "Marino Superiore D.O.C." biologico.

"E’ motivo di grande soddisfazione – dichiara l’Assessore Gentile – accompagnare aziende del nostro comune a ritirare premi così importanti, che riconoscono il giusto tributo alla qualità del prodotto del nostro territorio in cui, oltre a Riserva della Cascina, insistono altre eccellenze
agroalimentari."

Riserva della Cascina è situata all’interno del Parco Regionale dell’Appia Antica, immersa in un contesto storico di primaria importanza. L’azienda si estende per circa 20 ettari, di cui 15 di vigneto, coltivato a filari con metodo biologico dal 1994, uno di uliveto e il resto destinato ad aree di servizio ed accoglienza.
Il "Marino Superiore D.O.C" è un vino bianco, colore dal giallo paglierino al paglierino scarico; odore vinoso e delicato. Ha un sapore caratteristico fruttato; relativamente agli zuccheri residui può essere secco o abboccato o amabile, dolce. Le operazioni di vinificazione sono effettuate all’interno della zona di produzione.
I vitigni utilizzati sono Malvasia bianca di Candia, fino ad un massimo del 60%; Trebbiano toscano, Trebbiano romagnolo, Trebbiano giallo e Trebbiano di Soave, da soli o congiuntamente, dal 25 al 55%; Malvasia del Lazio, dal 5 al 45%. Possono concorrere alla produzione anche le uve delle varietà di vitigni bianchi raccomandati o autorizzati per la provincia di Roma, fino al massimo del 10%, con l’esclusione della varietà Moscato.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti