All’Esquilino lo sport non ha frontiere

Le associazioni del Rione hanno salutato l’arrivo della primavera nei giardini di piazza Vittorio con attività culturali e sportive dedicate a bambini e ragazzi
di Alessia Ciccotti - 23 Marzo 2009

Foto di Alessia Ciccotti

Sabato 21 marzo le associazioni del Rione Esquilino hanno salutato l’arrivo della primavera con la manifestazione “Sport senza frontiere”, che ha visto svolgersi per l’intera giornata nei giardini Nicola Calipari di piazza Vittorio Emanuele II attività culturali e sportive dedicate a bambini e ragazzi.
L’idea della manifestazione, giunta quest’anno alla seconda edizione, nasce dall’impegno dell’Associazione Genitori Scuola Di Donato (www.genitorididonato.it), che già dal 2002 è attiva sul territorio del quartiere più multiculturale di Roma con l’intento di qualificare e riqualificare lo spazio in cui far crescere i propri figli. Sette anni fa infatti alcuni genitori di studenti della scuola di via Bixio hanno deciso, col benestare dell’allora preside Bruno Cacco, di ristrutturare degli spazi in disuso all’interno dell’istituto per metterli poi a disposizione dei bambini, che oggi proprio in quei 600mq recuperati possono usufruire di una ludoteca, frequentare corsi di danza classica e moderna, di capoeira angola, giocare a calcetto, basket o cricket, tanto per citare alcune attività.

Dallo scorso anno inoltre, in occasione della settimana internazionale contro le discriminazioni razziali, l’associazione genitori, insieme con il Progetto Mediazione sociale (www.mediazionesociale.org), che ha l’obiettivo di mettere in comunicazione gli attori sociali del territorio, per riconoscere i conflitti e promuovere una cultura della mediazione, organizza questa giornata all’insegna della condivisione, dell’integrazione, della collaborazione e ovviamente dello sport, «che noi consideriamo – dice Mario Casari, presidente dell’Associazione Genitori – una delle nostre principali occupazioni e preoccupazione, un valore con cui far crescere i nostri figli».

Tante le attività che si sono svolte dalle 10 di sabato mattina fino al tardo pomeriggio. Nel prato del parco intitolato all’agente del Sismi bambini e ragazzi hanno potuto saltellare dal campo di basket al campo di calcetto, hanno provato il cricket, il badminton e gli scacchi giganti.
Ad intrattenere e incuriosire i più grandi ci hanno pensato invece le esibizioni di danza del ventre a cura di AIM Giosef, di danza popolare a cura di Cemea Lazio, quella della nazionale italiana di Calcio Freestyle o ancora quelle dell’associazione culturale Tao Chi di Roma. Quest’ultima, in particolare, ha inaugurato la giornata con l’originale danza del drago, simbolo di saggezza nell’antica tradizione cinese, che insegue una perla, metafora di longevità e vita eterna, e quella del leone, guardiano dei templi, mentre gioca con lo scorpione. «Tutte le esibizioni – ci racconta uno dei danzatori – sono sempre accompagnate dal tamburo, dai piatti e dal gong, strumenti principali della musica cinese, ed ogni ritmo, ogni suono prodotto corrisponde ad un particolare movimento da eseguire».
Nel pomeriggio invece, nell’angolo biblioteca curato dalla società cooperativa Esquilibri, è stato presentato il libro di Mauro Valeri “Nero di Roma – storia di Leone Jacovacci”, la storia di un ragazzo che, costretto a dover prendere la vita a pugni, alla fine ha scelto di fare il pugile, di aderire allo stereotipo del forzuto nero. Ma il ring e la vita sono due realtà differenti. Se sul quadrato Leone è riuscito ad affermarsi a suon di ko, fuori dal ring ha dovuto combattere contro pregiudizi razziali e razzisti, che gli hanno reso più difficile la carriera e forse anche la vita.

Tra le associazioni che hanno aderito all’iniziativa, oltre a quelle già citate, Arvuc, Associazione Culturale Prezzemolo, Associazione Culturale Panafrica, Associazione Lok Pai di Mentana, Badu Bros, Calcetto “Scuola Di Donato”, CDRom (V Municipio), Cotrad onlus, Culto del Ritmo, FIBA, FIDALD, Green Bangla Roma, GS Aquilone-Esquilino Basket, Himalaya´s Kashmir  Ristorante Indiano-Pakistano, “I Sapori del Mondo” take-away, Istituto Comprensivo Manin, Liberi Nantes F.C., Nazionale Italiana Calcio freestyle, Piazza Vittorio Cricket Club, Polisportiva  Pian due Torri, Polisportiva S. Damaso, Renoize calcio, Scuola Elementare Carlo Pisacane, Street Works, Tamburi di Pace e UISP Roma.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti